26
Jun

CH9A0280_numero 2

Speak Like The Patron/Netflix, infatti, ha un risvolto di intrattenimento per il pubblico, ma con un forte insight social.

Gabriele CucinellaStefano Maggi Ottavio Nava, Ceo We Are Social, non nascondono certo la gioia:

“Questi Leoni sono per noi un grande orgoglio. In primo luogo perché a vincere è stato un lavoro vero, pensato per il cliente, non per il premio, che ha senso in quanto conseguenza, non causa.

Ancora più significativi, poi, perché il progetto poggia sulla partnership con Babbel, dunque veste la contemporanea apertura a collaborazioni tra brand. Non dimentichiamo che l’entertainment è da sempre una categoria ‘difficile’, che però pone le basi per i trend del futuro. E’ finita l’epoca dell’interruzione e della frequenza, vince la rilevanza per il proprio target, meglio, per la community di riferimento, E’ questo il nuovo modo di ragionare, oltre le clusterizzazioni anagrafiche o territoriali, pro interessi condivisi e capacità delle marche di diventare rilevanti, di intrattenere e coinvolgere emotivamente, proprio alla luce di quei medesimi interessi.

Inoltre, questo Cannes sta dimostrando come l’aspetto visivo stia ormai pervadendo tutto, garantendo però all’idea il ruolo da protagonista, evitando di cadere nell’iper-produzione”.










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie