Interactive

Il Governo di Sua Maestà è stato il principale inserzionista del Regno Unito per il 2020, con 164 milioni di sterline di investimento pubblicitario

I governi di tutto il mondo si sono affrettati a proteggere i propri cittadini quando è scoppiata la pandemia di Coronavirus all’inizio del 2020. Una strategia-chiave nel Regno Unito è stata quella di utilizzare campagne di informazione pubblica diffuse attraverso diverse forme di pubblicità con l’obiettivo di raggiungere quanti più cittadini possibile. Secondo i dati presentati da TradingPlatforms.com, il governo del Regno Unito è stato il principale inserzionista nel Paese, per il 2020, con una spesa totale di 164 milioni di sterline, davanti ai giganti del settore privato Unilever e Sky.

L’ultima pandemia globale si era verificata più di un secolo prima e le sfide affrontate per la pandemia da Covid-19 non hanno precedenti: la diffusione di informazioni vitali è stata considerata fondamentale, e di conseguenza, il governo di Sua Maestà ha speso 163,91 milioni di sterline in pubblicità, rendendolo il principale inserzionista nel Regno Unito per il 2020.

La comparsa di Public Health England (il Servizio Sanitario locale) come settimo nella classifica degli inserzionisti è un’ulteriore prova dei chiari sforzi del governo britannico per tenere informato il pubblico. La spesa pubblicitaria della Public Health of England di £80,52 milioni ha rappresentato un aumento di quasi l’800% su base annua rispetto a quella dell’anno precedente. Questo è il più grande aumento del budget pubblicitario di qualsiasi organizzazione. Nonostante il governo abbia investito in modo significativo nella pubblicità, la spesa pubblicitaria per tutti i primi dieci inserzionisti è diminuita complessivamente del 20% su base annua.

Mcdonalds, Amazon e Sky hanno registrato la maggiore diminuzione su base annua della spesa pubblicitaria tra tutte le società nell’elenco dei 10 migliori inserzionisti del 2020, con una diminuzione rispettivamente del 41%, 40% e 31%. I blocchi hanno limitato la mobilità in tutto il mondo, dando poca possibilità alle aziende di acquistare pubblicità fuori casa: durante lo scoppio iniziale del Coronavirus nel Regno Unito, da marzo ad aprile, la pubblicità nelle stazioni della metropolitana e delle ferrovie è diminuita di oltre il 90%. La pubblicità su strada è diminuita del 76%, mentre la pubblicità all’esterno dei supermercati è diminuita del 56%.

La società di beni di consumo Unilever è stata il secondo maggior inserzionista in UK, con una spesa di £ 137,47, un aumento del 76% su base annua. La spesa pubblicitaria meno prudente di Unilever le ha consentito di superare Sky nelle classifiche, mentre uno dei principali concorrenti di Unilever, Procter & Gamble ha adottato un approccio meno aggressivo e ha ridotto la spesa pubblicitaria del 16% a 117,24 milioni di sterline, diventando così il quarto inserzionista più grande del Regno Unito.

Related articles

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy