Youmark

WomenXImpact 2021, parola alle protagoniste. Lisa Cavalli, founder MissBiker: credere in se stesse, farsi motivare da altre che ce l’hanno fatta può smuovere le donne dalla loro zona di comfort e farle spiccare il volo. Ognuna ha dentro qualcosa di unico e speciale e può fare della propria passione un business

In attesa dell’edizione 2021 di WomanXImpact al via il prossimo 30 settembre, a Bologna e online, dalla voce delle sue protagoniste il senso di un Summit made in Italy che vuole creare la community femminile più grande del mondo. Le donne non sanno fare sistema? Se vorresti rispondere sì, è il caso di ricrederti.

Perché hai deciso di diventare speaker di WomenXimpact e perché è importante che ci sia in Italia una manifestazione di questo tipo?
Ci sono due parole che ricorrono quotidianamente nella mia vita di imprenditrice: condivisione e consapevolezza. Come speaker di WomenXImpact potrò condividere tutto ciò che ho imparato in questi anni nel mio settore per dare consigli a chi oggi voglia fare business. Essere consapevoli delle nostre capacità, delle nostre potenzialità rende gli obiettivi più realizzabili. E’ importante che in Italia si faccia sentire la nostra voce con eventi di rilevanza internazionale che riuniscono donne che sono dei role model nei propri settori. E’ un inno all’empowerment in uno stato in cui c’è ancora molto da fare in tal senso.

Cosa vuoi lasciare come messaggio prioritario al pubblico che ti ascolterà?
Il messaggio che voglio trasmettere è di credere in se stesse. Spesso ci auto sabotiamo, generiamo mille scuse plausibili e non, e tutto ciò è causato dall’ambiente in cui viviamo che non ci permette di vedere spiragli e possibilità. Credere in se stesse, essere motivate da altre che ce l’hanno fatta può smuovere le donne dalla loro zona di comfort e farle spiccare il volo. Credo fermamente che ognuna abbia dentro qualcosa di unico e speciale e possa riuscire a fare della propria passione un business.

Nel tuo specifico settore, c’è ancora bisogno di parlare di problemi legati alla parità di genere? Se sì, perché e in che modo pensi si possano trovare delle soluzioni?
Assolutamente sì. Nel motociclismo il numero delle donne sta crescendo in modo importante (parliamo di un aumento del 32,4% negli ultimi 5 anni) ma tale velocità rende a volte difficile che gli addetti al settore interiorizzino questi dati. Siamo ancora delle mosche bianche. Se parliamo di motociclismo mondiale i numeri sono davvero risicati: un dato che fa riflettere è che da Taru Rinne, qualificatasi seconda nella classe GP-125, abbiamo dovuto aspettare 26 anni per vedere un’altra donna qualificarsi nella Moto3, cioè Maria Herrera. Fortunatamente molte aziende stanno interessandosi sempre più al segmento femminile creando più capi dedicati alle nostre fisicità ed esigenze e moto più leggere (adatte anche al pubblico maschile più basso della media).
La soluzione è dare sempre più servizi alle motocicliste, appoggiare e sostenere pilote perché costituiscano dei role model vincenti, acquistare da aziende che ci vedono come protagoniste e non come accessori, far sentire la nostra presenza in tutti i settori, dalle manager alle ingegnere, dalle Ceo alle pilote.

Il tuo maggior successo e il tuo maggior fallimento e cosa hai imparato da entrambi?
Il maggior successo è stato ricevere il premio internazionale FIM Women in Motorcycling Award che la Federazione Internazionale Motociclistica mi ha consegnato nel 2019. MissBiker è stata premiata per aver contribuito in modo significativo a migliorare e sviluppare la presenza e la consapevolezza delle donne in tutti i settori legati al motociclismo. Il maggior fallimento è stato cercare di creare una realtà a livello mondiale troppo presto. Il primo mi ha dato una grande iniezione di fiducia e mi ha fatto credere nelle potenzialità del brand mentre il secondo a non correre e a rafforzare la credibilità in territorio nazionale prima di espormi e fare passi falsi che potrebbero causare gravi perdite.

Chi è Lisa Cavalli
Fonda MissBiker nel 2015 e in brevissimo tempo, grazie anche al prezioso supporto di un team tutto al femminile, diventa un vero e proprio network di donne con la passione per la moto, punto di riferimento sia per tutte le motocicliste italiane che per le aziende del settore. Proclamata “una delle 10 community più influenti di Facebook”, nel 2018 MissBiker partecipa al Facebook European Communities Summit di Londra da protagonista, presenziando come unica realtà italiana tra i sei speaker che sono intervenuti all’evento. Nello stesso anno, Yamaha commissiona a MissBiker la realizzazione di una special su base XSR 700, con la quale rappresentare l’Italia al festival Wheels & Waves di Biarritz. Nel 2019 MissBiker collabora con alcune riviste nazionali del settore e Lisa Cavalli viene invitata nuovamente da Facebook all’inaugurazione del Binario F, uno spazio con sede a Roma dove è possibile creare nuove sinergie in cui le comunità, i partner, i responsabili politici, i leader aziendali e le organizzazioni possono scambiarsi idee e collaborare. A questo evento partecipa Sheryl Sandberg, Chief Operator Officer di Facebook e una delle donne più influenti al mondo, che ha voluto conoscere personalmente 5 communities leader tra cui, appunto, la fondatrice di MissBiker.   A dicembre MissBiker riceve a Monaco il prestigioso premio internazionale FIM Women in Motorcycling Award dedicato alle realtà più interessanti del 2019 nel settore motociclistico femminile a livello mondiale. Questo premio è stato creato appositamente dalla FIM per la celebrazione e il riconoscimento di chi ha contribuito in modo significativo a migliorare e sviluppare la presenza e la consapevolezza delle donne in tutti i settori legati al motociclismo. I progetti per il futuro sono molti e ambiziosi e nel 2021 MissBiker diventerà ancor più internazionale ampliando un progetto di collaborazione in Olanda che darà presto vita a una futura ‘MissBiker Nederland’. Da zero ho creato il più grande network di motocicliste in Europa che conta oltre 10 mila iscritte e che collabora con le più importanti aziende del settore.

Related articles

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy