Interactive

IBM sviluppa le capacità di Watson di comprendere il linguaggio del business, con l’AI e il NPL

IBM, all’avanguardia nell’intelligenza artificiale per le aziende, annuncia il lancio di diverse nuove tecnologie per IBM Watson, progettate allo scopo di aiutare le imprese a iniziare a identificare, comprendere e analizzare alcuni degli aspetti più difficili della lingua inglese con maggiore chiarezza, per maggiori approfondimenti, utilizzando l’AI.

Le nuove tecnologie rappresentano la prima commercializzazione delle principali funzionalità di Natural Language Processing (NLP) che provengono dal Project Debater di IBM Research, l’unico sistema di intelligenza artificiale in grado di discutere con gli esseri umani su argomenti complessi. Ad esempio, viene definita una nuova funzionalità di analisi avanzata del sentiment per identificare e analizzare forme idiomatiche e colloquiali per la prima volta. Frasi come ‘hardly helpful’ o ‘hot under the collar’ sono state impegnative per i sistemi di intelligenza artificiale, perché sono difficili da individuare per gli algoritmi. Con un’analisi avanzata del sentiment, le aziende possono iniziare ad analizzare tali dati linguistici con le API di Watson per arrivare una comprensione olistica del loro funzionamento. Inoltre, IBM sta utilizzando la tecnologia sviluppata da IBM Research per comprendere documenti aziendali, come PDF e contratti, così da poterli aggiungere ai loro algoritmi di intelligenza artificiale.

“Il linguaggio è comunemente usato per esprimere il pensiero, oltre che uno strumento di informazione”, commenta Rob Thomas, General Manager, IBM Data e AI in uno scritto di presentazione delle nuove funzionalità. “Questo è il motivo per cui stiamo sviluppando semre più la tecnologia dal Project Debater, integrandola in Watson, così da consentire alle aziende di acquisire, analizzare e comprendere sempre meglio il linguaggio umano, e iniziare a trasformare il modo in cui utilizzano il capitale intellettuale, codificato nei dati”.

Le nuove funzionalità sono progettate appunto per aiutare le organizzazioni a identificare, comprendere e analizzare alcune sottigliezze, sfumature, toni del linguaggio umano. Sono previsti diversi step nel corso dell’anno al fine di migliorare le capacità di interpretare il linguaggio naturale umano, che si possono sitentizzare qui di seguito.

Analisi avanzata del sentiment. IBM ha migliorato questa analisi per essere in grado di identificare e comprendere meglio schemi di parole complicati quali modi di dire codificati, in frasi ed espressioni colloquiali. Questa tecnologia sarà integrata questo mese in Watson Natural Language Understanding. Inoltre, IBM sta annunciando una nuova tecnologia di classificazione che consentirà ai clienti di creare modelli di intelligenza artificiale in grado di decodificare più facilmente le clausole che si trovano nei documenti aziendali. Basata sul deep learning del Project Debater, a questa nuova applicazione possono bastare poche centinaia di esempi per fare nuove classificazioni in modo rapido e semplice. Si prevede che verrà aggiunta a Watson Discovery entro la fine dell’anno.

Brief – Summarization. Questa tecnologia estrae dati testuali da una varietà di fonti per fornire agli utenti un riepilogo di ciò che viene detto e scritto su un particolare argomento. Una versione iniziale di Summarization è stata sfruttata quest’anno per analizzare oltre 18 milioni di articoli, blog e biografies, producendo approfondimenti sui numerosissimi artisti e celebrità premiate ai Grammy Award. I dati sono stati quindi inseriti nel flusso live del red carpet, e dei video e delle foto on demand, su www.grammy.com per fornire ai fan un contesto più approfondito sui temi principali della serata. Si prevede di aggiungere questa funzione a IBM Watson Natural Language Understanding entro la fine dell’anno.

Clustering di argomenti avanzati. Basandosi sulle intuizioni acquisite da Project Debater, le nuove tecniche di ‘clustering’ degli argomenti consentono agli utenti di ‘raggruppare’ i dati in entrata per creare ‘temi’ significativi, basati sulle informazioni correlate, che possono quindi essere analizzati. Questa tecnologia, che anch’essa dovrebbe essere integrata in Watson Discovery entro la fine dell’anno, consentirà di personalizzare e fare fine-tuning sugli argomenti in modo da riflettere il linguaggio di specifiche aziende o settori, quali assicurazioni, sanità e produzione.

Grazie alla tecnologia di PNL, IBM sviluppa soluzioni che consentono ai sistemi informatici di apprendere, analizzare e comprendere il linguaggio umano – inclusi sentimento, dialetti, intonazioni e altro – con crescente precisione e velocità, attraverso Watson. Tale tecnologia è integrata infatti anche in soluzioni come Watson Discovery per la comprensione dei documenti, IBM Watson Assistant per agenti virtuali e Watson Natural Language Understanding per l’analisi avanzata del sentiment.

Al momento disponibili solo per la lingua inglese, entro il 2021 le nuove funzionalità saranno estese anche ad altre lingue, come l’italiano.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy