06
Apr

Che è poi il senso della capacità di costruirsi un’area che rappresenti la propria identità distintiva, oltre prerogative di sesso e genere, in nome della differenziazione, altrimenti nessuno fa la differenza. Ne è certa la regista-scrittrice Elisa Fuksas, incontrata da youmark a Roma durante le riprese di un lavoro per Vogue Uomo con K48, la casa di produzione con cui collabora in priority.










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie