Youmark

Pets4Pet, una campagna che lascia il segno. Perché è un progetto. Pro Wwf, pro sociale, pro nuove generazioni, pro scuola, società, mondo. E perché ha saputo fare squadra. Leo Bunett, le cdp, i fotografi e i professionisti vari hanno lavorato tutti for free. Ma soprattutto perché ha realizzato ciò che i bambini pensano

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Non a caso, il preside della scuola protagonista, l’elementare Giusti di Milano (guarda la video-sintesi di tutta l’operazione) l’ha sottolineato.

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Troppe, infatti, le iniziative che chiedono ai ragazzi cosa ne pensano lasciando cadere poi tutto nel vuoto. Qui il risultato c’è ed è tangibile. Tra l’altro avendo saputo Leo Burnett coordinare i rapporti con gli 80 ragazzini che hanno partecipato, con tutti i professionisti coinvolti (l’agenzia durante la presentazione di ieri li ha più volte ringraziati per l’eccellente collaborazione) e con la scuola che, particolare da non sottovalutare, è un ente pubblico.

Di più, come Francesco Bozza, direttore creativo esecutivo Leo Burnett, ha ricordato, questa campagna è stata anche un esperimento, con le idee dei bambini a rivelarsi all’altezza di quelle dei grandi al punto da chiedersi “ma i creativi servono?”. E la risposta non poteva che essere “la creatività è la capacità di guardare con gli occhi dei bambini”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy