Youmark

La felicità non è una truffa, 3 corti per 3 tre valori cardine di Coop con la regia di Paolo Genovese e colonna sonora de Lo Stato Sociale. Un progetto di H2H con il media a cura di PHD

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Ieri, 22 novembre, il Teatro dell’Arte della Triennale di Milano ha ospitato La felicità non è una truffa, un film in tre episodi progettati e prodotti da H2H e realizzati da Pupilla Film. Il film è diretto da Paolo Genovese con la colonna sonora de Lo Stato Sociale. L’anteprima ha avuto luogo nella cornice dell’esposizione Coop_70. Valori in scatola, in programma alla Triennale dal 16 novembre fino al 13 gennaio 2019.

La felicità non è una truffa è il titolo che interpreta, nel 2018, il format CoopTime Stories  nato nel 2017 per raccontare i valori di Coop sui social media e sul web.

In questa edizione H2H, che anche per il 2018 ha curato le Cooptime Stories, ha progettato con Coop una nuova formula: non più autori e registi emergenti, ma un’unica firma autoriale come quella di Paolo Genovese. La colonna sonora è stata affidata allo Stato Sociale, che per l’occasione ha riarrangiato un brano storico – La felicità non è una truffa – poi diventato anche il titolo del film a episodi. Il media è a cura di PHD Italy – OMNICOM MEDIA GROUP.

Così in una nota Lo Stato Sociale spiega il senso del proprio contributo: “’La felicità non è una truffa’ racconta di come sia importante, nei momenti di tristezza e di nostalgia, ricordare il valore dei momenti felici; è un messaggio cui siamo molto legati ed è bello che dia un titolo a questo lavoro. Ringraziamo Coop per averci dato questa bella possibilità”.

Nel film, diviso in tre capitoli dedicati ad altrettanti valori – Trasparenza, Sostenibilità e Fiducia – Matteo Branciamore, Luca Angeletti e l’esordiente Chiara Vinci sono i protagonisti di una storia romantica sospesa tra realtà e magia, dove l’incontro tra Marco e Anna diventa l’occasione per ripensare alla fiducia come cardine irrinunciabile di ogni relazione.

Commenta Emanuela De Marchi, Responsabile Area Strategy H2H: “Cosa conta per essere felici? La sostenibilità e la trasparenza si fanno storia e rigenerano un senso di fiducia nei protagonisti. Rigenerare fiducia, questo è quanto conta oggi. E’ proprio la sfiducia che si espande a ogni livello. Eppure la cerchiamo continuamente. Questa è una bella storia per ritrovare fiducia nella trasparenza, nella sostenibilità per il Pianeta, nell’affidarsi a qualcuno. Bisogna fidarsi per esistere. Mi fido. Mi affido. La fiducia è relazione. Oggi le storie sono per pubblici profilati, coinvolti, raggiunti in mobilità. In gioco c’è una relazione differente che si sviluppa nel tempo. D’altronde le aziende stanno diventando media company e confezionano contenuti editoriali d informazione e intrattenimento. E’ un cambio di baricentro. Siamo di fronte a una ibridazione di formati che integra online e offline, e lo storydoing è fondamentale per il business, ma occorre un uso sistemico”.

Aggiunge: Alessandro Serra, Responsabile Comunicazione Coop Italia: “Oggi quando una persona compra un prodotto e sceglie un marchio non partecipa solo al processo di acquisto ma vive un’esperienza di senso molto più completa e coinvolgente. Il contatto avviene non più solo sul prodotto, ma anche sui valori perché la promessa del Brand è più articolata, investe ambiti etici e stili di vita, tradizione culturale e necessità economiche. Ecco perché un racconto come ‘La felicità non è una truffa’, grazie alla capacità artistica di un regista come Paolo Genovese, ci parla di Coop attraverso l’emozione e quei valori così importanti per noi che sono alla base di tutte le nostre azioni e dei prodotti che facciamo. Questo ci interessava: cercare di stabilire un contatto diretto, più empatico, con le persone, che poi sono anche i nostri clienti, che fanno la spesa tutti i giorni e tutti i giorni ci chiedono di rispettare la nostra promessa di trasparenza, di sostenibilità, di sicurezza, di qualità. E ogni giorno ci danno fiducia”.

Dal 27 novembre gli episodi saranno in onda su La7 nell’ambito della trasmissione ‘di Martedì’ di Giovanni Floris e saranno distribuiti sul web e sui profili social di Coop.

Credit

Regia Paolo Genovese

Cast Matteo Branciamore, Chiara Vinci, Luca Angeletti

Fotografia Arnaldo Catinari

Musica Lo Stato Sociale

Durata  3 episodi di 4 minuti

Progetto e Produzione Agenzia H2H

Realizzazione Pupilla Film

Distribuzione Media PHD Media Italy

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy