Youmark

Il Bilancio 2019 di ADCI. Gitto: “Sempre più impegnati nel valorizzare le nostre competenze. Per il lockdown, webinar, talk e incontri virtuali nel segno della continuity”

Vicky Gitto

ADCI Art Directors Club Italiano, l’associazione che riunisce i migliori professionisti del settore della pubblicità e della comunicazione, riunitasi per l’annuale Assemblea dei soci (svoltasi online) ha presentato, agli oltre 500 partecipanti collegati, i risultati ottenuti durante l’ultimo anno e illustrato il programma delle attività 2020.

“Il 2019 è stata ‘una splendida annata’ che conferma la scelta fatta in marzo dai soci che hanno rieletto me e l’attuale Consiglio per un nuovo mandato e ci ripaga di tanto impegno profuso – commenta  nella nota Vicky Gitto, Presidente. “Un anno che ha visto un record di nuovi iscritti al Club, ben 525 con un aumento del 43% sul 2018 e tra questi gli ‘under 30’ sono aumentati del 20%, che confermano l’ADCI come punto di riferimento nella industry della creatività e nella pubblicità nel nostro paese, ma non solo”.

Anche premi ed eventi nel 2019 confermano l’andamento positivo facendo registrare numeri in crescita. “Il premio dedicato ai nostri talenti, i Giovani Leoni, che permette loro di volare direttamente nell’olimpo della pubblicità al Festival di Cannes, ha registrato un incremento enorme di progetti iscritti, il 160% in più rispetto al 2018, così come la 33° edizione degli ADCI Awards ha visto oltre 1000 lavori presentati (+20%), mai successo prima. Il Grande Venerdì di Enzo, poi, progetto a cui teniamo particolarmente perché permette ad aspiranti creativi di incontrare alcuni dei più importanti direttori creativi italiani ci ha dato grandi soddisfazioni sia per l’alta partecipazione dei ragazzi, il 75% in più dell’anno scorso sia per la disponibilità dei direttori creativi che sono cresciuti del 50%.”.

Relativamente agli ADCI AWARDS, quest’anno arriverà anche l’Annual 2019 in verisone cartacea, che non appena possibile sarà presentato pubblicamente. Ma non solo, questo Consiglio, ha ‘recuperato’ anche tutti gli Annual lasciati in sospeso dai precedenti Consigli che saranno stampati e consegnati ai soci. Inoltre, al fine di dare una generale overview sul the very best della creatività in Italia, ADCI quest’anno per la prima volta ha curato una Year Review 2019, ovvero una versione sintetica che raggruppa il meglio dell’ultimo Award offrendo una mappa a disposizione di tutti per comprendere le macrotendenze del settore.

Inoltre, è sempre più marcato il focus del Club nel sostegno e promozione dei giovani talenti, con le iniziative loro dedicate, specifiche e anche collaborazioni con accademie di comunicazione.
Lo stesso impegno profuso per aiutare i giovani ADCI lo mette nel proseguire il percorso volto alla valorizzazione della cultura dell’uguaglianza, dell’inclusione e del superamento degli stereotipi.

Nel 2019 si è svolta la terza edizione del Premio Equal, che coinvolge le campagne e i progetti di comunicazione impegnati nel superamento di ogni forma di diversità, con l’occasione il Club ha lanciato, in collaborazione con le principali associazioni di settore, Cast The Inclusion, il manifesto declinato in cinque principi, pensato per promuovere una maggiore consapevolezza nella scelta degli interpreti che compongono i cast delle produzioni creative.

Da segnalare, a livello direttivo, l’avvicendamento dei Consiglieri con l’uscita di Francesco Bozza (Grey Italy), che lascia l’incarico per esigenze lavorative, e vede il nuovo ingresso di Giuseppe Mastromatteo (Ogilvy Italia), già Art Ambassador ADCI.

L’Art Directors Club Italiano per sua stessa natura è votata a riconoscere e sostenere il valore della creatività nella comunicazione d’impresa, istituzionale e sociale; tutto questo si riflette anche su tutto il territorio grazie ai Local Ambassador, soci delegati che fungono da collettori di richieste e amplificatori locali delle attività del Club: a Bologna con Massimo Valeri, in Campania Angela Pastore, nelle Marche Graziano Giacani, a Milano Francesco Grandazzi, in Puglia Rocco Sparapano, a Roma Marco Diotallevi e a Torino Michele Mariani. Collaborano alle attività dei Local Ambassador anche Alessandro Demicheli, Vincenzo Piscopo, Lorenzo Terragna e Daniele Testa.

L’internazionalità vede ADCI protagonista grazie alle collaborazioni e partnership con aziende come Google e Facebook e associazioni: da AIR3, IAB, ADC*E, Cannes Lions e CLIO Awards; di questi ultimi due ADCI è rappresentate unico italiano. “Dopo l’accordo con i Cannes Lions che ci permette così di designare i giurati italiani della manifestazione – aggiunge Gitto – quello con i Clio Awards è un ulteriore tassello nella nostra strategia di amplificazione della qualità dei creativi e delle agenzie italiane a livello globale”.

“Sono orgoglioso di tutto il lavoro che è stato fatto, mi risultati raggiunti ci dimostrano che l’Associazione si conferma sempre più punto di riferimento per la comunicazione in Italia. Mi sono speso, e continuerò a farlo in futuro, in prima persona e con tutti i Consiglieri anche a livello di comunicazione per far conoscere ADCI anche al di fuori del settore della creatività e pubblicità, dialogando a diversi livelli con la stampa nazionale su argomenti di larga diffusione, così come sulle testate locali che sul territorio sono focali opinion leader ed efficace bridge per abbracciare i tanti talenti creativi presenti lungo tutto lo stivale”.

Il 2020 si è aperto con le misure di urgenza per contrastare il Coronavirus che hanno costretto tutte le professionalità del settore a un forzato ritiro nelle rispettive abitazioni. ADCI per dare continuità e supporto ai propri associati, così come a tutta la comunità, ha implementato il suo programma con modalità alternative sviluppando un calendario di appuntamenti dedicati a professionisti della pubblicità e freelance con webinar, talk e incontri virtuali nel segno della #continuity.

Proprio in ottica di continuità ADCI conferma l’organizzazione delle attività e degli appuntamenti in programma per il 2020, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza sanitaria vigenti.

“ADCI Awards e Il Grande Venerdì di Enzo si terranno regolarmente, certo con modalità di partecipazione differenti e nel pieno rispetto delle normative sanitarie governative così da garantire la massima sicurezza per i partecipanti. Il Grande Venerdì di Enzo si terrà in modalità digitale e interconnesso con tutte le sette città di svolgimento, mentre per gli ADCI Awards ci sarà una revisione delle categorie in gara e una quota di iscrizione ridotta. Quota ridotta che il Consiglio ha deciso di adottare per tutto il 2020 anche per le iscrizioni e rinnovi al Club.”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy