Interactive

Lenstore ha analizzato i siti più importanti al mondo per scoprire il loro livello di accessibilità per le persone ipovedenti. PayPal al primo posto della classifica, Google.it è il sito italiano più accessibile. Tra i social ‘vince’ Facebook Messanger

Per molti di noi, internet fornisce accesso illimitato alla maggior parte delle informazioni, prodotti e servizi che consumiamo quotidianamente. Tuttavia, per moltissime persone questo processo non è così immediato, e può essere un problema navigare con facilità su alcuni siti web. Spesso infatti, le persone affette da disturbi della vista hanno diverse esigenze quando si tratta di navigare su internet ed esplorare diversi siti web.

Vi sono circa 2,2 miliardi di persone al mondo che soffrono di problemi alla vista o cecità. Questo significa che i siti web poco accessibili hanno un impatto negativo su una grande parte della popolazione mondiale.

Ma quali siti web sono più e meno accessibili per coloro che soffrono di disturbi visivi? Lenstore ha condotto uno studio che analizza 90 piattaforme online per scoprire le più accessibili e facili da navigare.

Nella ricerca, Lenstore ha creato un indice che indica la prestazione di ogni sito web su una scala da 1 a 10, secondo diversi parametri tra cui il contrasto, testo di ancoraggio, intestazioni vuote e testo alternativo – tutti fattori che contribuiscono a rendere un sito web accessibile agli utenti ipovedenti. Una classifica finale determina quindi i siti web più accessibili e quelli meno facili da navigare.

PayPal si classifica in alto alla lista dei siti web più accessibili al mondo totalizzando 9,9/10 punti 

Fra tutti i 90 siti web analizzati, PayPal è tra i primi in classifica, totalizzando un punteggio generale pari a 9,9/10 secondo i risultati dello studio di Lenstore. Analizzando la quantità di errori di contrasto, testi alternativi mancanti, vuoti o nulli, Paypal è uno dei siti più accessibili agli ipovedenti.

La posizione nella classifica generale è stata abbassata solo da alcuni problemi di testo. Infatti, totalizzando 5 problemi di testo sul sito, PayPal ha ricevuto un punteggio di 9,96 in questa area, punteggio relativamente basso se confrontato ad altri siti.

Il testo che ha causato problemi di accessibilità sul sito di PayPal include link adiacenti che portano alle stesse pagine web. Questo può causare problemi di accessibilità e di ripetizione per utenti che utilizzano lo screen reader.

Gli altri siti web che hanno totalizzato un punteggio pari a 9,99 sono il fornitore di servizi sanitari Alodoker, e l’azienda specializzata in servizi sanitari Spectrum.

Il sito di notizie The Daily Mail è il meno accessibile per le persone ipovedenti

Secondo i risultati dello studio, il sito di notizie online The Daily Mail è la piattaforma online meno accessibile fra tutti i siti analizzati nella ricerca. A seguito di un’analisi dettagliata dell’utilizzo del contrasto, delle intestazioni e dei testi di ancoraggio, il sito ha totalizzato un punteggio di soli 5,9/10.

Il contrasto molto basso tra il testo e lo sfondo della pagina web può creare diversi problemi per le persone con problemi visivi e sul sito Daily Mail sono stati trovati ben 60 errori di questa natura.

Inoltre, lo studio di Lenstore ha trovato 27 intestazioni mancanti sul sito (situazione che può creare confusione per gli utenti che utilizzano lo screen reader), ed un totale di 360 casi di testo alternativo mancante, che aiuta in genere le persone ipovedenti a capire alcune immagini.

La piattaforma di arte e intrattenimento Soyetsu si classifica seconda, secondo i risultati dello studio, con un punteggio di 6,30/10. Questo è dovuto al fatto che sono stati registrati oltre 830 problemi relativi al testo sule pagine di questo sito. Al terzo posto si classifica la piattaforma social Line, con un punteggio totale di 7,26/10 a causa dell’uso limitato di testo alternativo.

Google.it è il sito italiano più accessibile

La ricerca analizza anche i siti web italiani più accessibili agli ipovedenti. Nella tabella a seguire sono riportati i 16 siti web italiani analizzati nella ricerca, dal più accessibile al meno accessibile.

Secondo i risultati dello studio, google.it, il provider di servizi online subito.it e la versione del sito italiana di ebay sono in cima alla classifica per accessibilità per le persone ipovedenti.

Con soli 7 errori di contrasto e 5 casi di testo alternativo vuoto google.it risulta davvero facile da navigare e si posiziona primo in classifica tra i siti italiani, totalizzando un punteggio di 9,95/10.

Il sito del Corriere della Sera è il sito più difficile da navigare per le persone con disturbi visivi, riportando 370 errori di contrasto e 177 casi di testo alternativo mancante.

Il settore della salute ha il livello di accessibilità più alto per le persone che soffrono di disturbi visivi

Non è strano che il settore della salute offra la migliore esperienza agli utenti ipovedenti in termini di accessibilità dei siti web. Infatti, i siti web di salute analizzati nello studio totalizzano insieme un punteggio molto alto di 9,86/10.

Il sito Alodokter è primo tra i siti di salute analizzati nello studio, seguito dal CDC (Centre for Disease Control and Prevention) che è l’agenzia nazionale per la salute pubblica degli Stati Uniti. 

Il CDC ha totalizzato un punteggio di 10 in tutte le categorie analizzate nello studio tranne che per il testo su pagina. Infatti, l’analisi ha rilevato in questo sito alcune parti di testo ambiguo o senza senso o contesto (tra cui ‘cliccare qui’) che potrebbe confondere persone affette da disturbi visivi.

Le piattaforme social più accessibili agli ipovedenti 

Secondo i risultati dello studio, Facebook Messenger risulta la piattaforma social più accessibile. Senza contare alcuni piccole errori di contrasto e problematiche relative al testo di ancoraggio, il sito di messaggistica ha totalizzato un punteggio totale di 10/10 in quasi tutte le categorie. In generale, Messenger si classifica primo con punteggio generale di 9,98/10.

La ricerca rivela che TikTok si posiziona al sesto posto per accessibilità, battendo Facebook. Twitter LinkedIn e Instagram e totalizzando un punteggio totale di 9,86/10 punti.

Cinque modi per migliorare l’accessibilità dei siti web

  1. Assicurarsi che il testo alternativo trasmetta il contenuto e la funzione dell’immagine accuratamente e sinteticamente.
  2. Alcuni utenti ipovedenti, specialmente coloro che usano la funzione screen reader, spesso usano le intestazioni come segnali stradali per navigare su internet. Titoli mancanti o vuoti sui siti web possono costituire un motivo di confusione per questi utenti, che troveranno la navigazione più difficile.
  3. Identificare la lingua della pagina web, permette ai lettori di schermo di capire i contenuti a cui accedono gli utenti con problemi visivi.
  4. Aumentare il contrasto tra il colore del testo in primo piano e il colore dello sfondo può aiutare gli utenti ipovedenti a leggere più chiaramente. Le parti di testo scritte in caratteri più grandi (in 14 o 18) invece non hanno bisogno di un contrasto così marcato.
  5. I link alle immagini possono essere un altro elemento di confusione per gli utenti ipovedenti che leggono con lo screen reader. In questi casi, includere testo alternativo adatto su un immagine con un link può aiutare a garantire che sia la funzione ed il fine del link che il contenuto stesso dell’immagine siano comprensibili.

Sebbene la maggior parte delle persone che soffrono di problemi alla vista decidano di indossare lenti a contatto o gli occhiali, questo non deve costituire per loro un obbligo e dovrebbe essere a loro discrezione. Al fine di creare dei siti web totalmente accessibili, le aziende dovrebbero essere consapevoli dei diversi problemi che certi utenti possono incontrare, e modificare il sito di conseguenza.

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy