Interactive

Kiyan Prince, campione in erba ucciso a coltellate in una rissa scolastica, rivive in FIFA 21, con la collaborazione del padre e di EA Sport, per dare sostegno alla Kiyan Prince Foundation

L'immagine virtuale di Kiyan Prince

Quando i player apriranno il nuovo game FIFA 21, avranno accesso a una star imprevista del gioco: il trentenne Kiyan Prince all’apice della sua carriera, che vola alto con alcune delle migliori valutazioni di abilità nel gioco ed è sostenuto da sponsor del calibro di Adidas. Ma Kiyan Prince è morto da 15 anni, ucciso il 18 maggio 2006. All’epoca, Prince era probabilmente il più brillante giovane praticante di calcio in Inghilterra, ed è stato pugnalato a morte mentre cercava di interrompere una rissa in corso fuori dalla sua scuola.

Suo padre, Mark Prince ha fondato la Kiyan Prince Foundation (KPF) dopo la sua morte e ha condotto una campagna contro il knife crime e per migliorare i sistemi di supporto educativo e comunitario in grado di prevenirlo. Ora, come parte della sua iniziativa ‘Evviva Prince’, KPF sta dando nuova vita alla sua storia per una generazione di gamers, rendendolo un giocatore protagonista del videogioco di calcio più popolare del pianeta.

KPF ha collaborato con EA Sports, l’agenzia creativa Engine, l’artista digitale Chris Scalf e lo studio di design VFX Framestore per portare Prince sullo schermo. I giocatori di FIFA 21 potranno selezionare Prince per le loro squadre in modalità carriera o ‘Ultimate Team’, oppure giocare con lui nel suo club d’appartenenza, il Queens Park Rangers. I giocatori vedranno anche le informazioni di contatto per KPF e avranno la possibilità di saperne di più sui suoi servizi dall’interno del game.

La speranza è che la maggiore consapevolezza si traduca anche in maggiori contributi finanziari che possono aiutare la fondazione a portare il suo messaggio alle scuole di tutto il Regno Unito e a creare una base permanente per la Fondazione. Il lavoro del genitore di Prince gli è valso la decorazione di OBE nel 2019. Nello stesso anno, il Queens Park Rangers ha ribattezzato il suo stadio a ovest di Londra Kiyan Prince Foundation Stadium.

Mentre mettere Prince nel gioco aumenterà senza dubbio l’awareness della fondazione e dei suoi sforzi per coinvolgere i giovani a rischio – il gioco ha venduto 1,5 milioni di copie solo nel suo primo mese, a ottobre – Mark Prince è più entusiasta di esso come strada per coinvolgere direttamente questi giovani. “Si tratta di rendere più facile per i giovani ottenere sostegno”, afferma in una nota. “Non vogliono andare ai servizi sociali; non vogliono prendere il telefono per una linea di assistenza. Ma andranno alla partita di FIFA 21 e noi saremo proprio lì. Qualunque sia il supporto di cui avranno bisogno – salute mentale, depressione, qualunque sia la sfida – dovranno solo contattare il KPF, e anche se noi non abbiamo la risposta, troveremo qualcuno che ce l’ha”.

James Salmon, Direttore Narketing globale di EA Sports per il franchise FIFA, afferma che il gioco non ha mai intrapreso un’iniziativa come questa nei suoi 28 anni di storia. “Virtualmente ricreare qualsiasi giocatore è notevolmente complicato. Fin dall’inizio del progetto, ci siamo impegnati a rappresentare Kiyan nel modo più autentico possibile, dall’invecchiamento del suo aspetto utilizzando immagini della sua adolescenza, allo sviluppo delle sue caratteristiche sul campo e del suo stile di gioco ”, spiega Salmon. “Volevamo assicurarci che Kiyan apparisse nel gioco come la superstar che sarebbe stato e continuare il nostro lavoro fino a oggi a sostegno della Kiyan Prince Foundation”.

L’anno scorso, EA Sports ha collaborato con KPF e Engine per lanciare un tifo digitale di Kiyan Prince nel gioco (i ‘tifo’ sono display visivi generati dai fan sugli spalti di uno stadio), che secondo le società è andato bene con i giocatori e ha stimolato la sensibilizzazione la Fondazione. Ora, rendendo Prince un giocatore completamente giocabile, sperano di continuare su questa strada. Il regista di Framestore, Karl Woolley, sottolinea che la chiave per creare un ritratto accurato di Prince era assicurarsi di catturare il suo spirito oltre a come sarebbe oggi la sua immagine virtuale.

Per creare il Prince virtuale, i designer di EA Sports e Framestore hanno utilizzato scansioni 3D di suo padre, fratelli e nonno, insieme a foto di amici e familiari. Poiché Prince è stato ucciso poco prima che gli smartphone guadagnassero una grande popolarità, non c’erano molti filmati su di lui su cui lavorare. Le società hanno anche collaborato con il professor Hassan Ugail presso l’Università di Bradford, che si occupa di invecchiamento forense per casi di criminali e persone scomparse.

Prince conclude ribadendo che il processo per trasportare suo figlio alla sua nuova vita virtuale è stato emozionante. “Non ho intenzione di fingere che sia stato facile”, dice. “Devi trovare le persone in grado di fornire un aiuto: un amico di Kiyan, le diverse persone con cui ha giocato. È stato un processo difficile, ma sapevo nel momento in cui mi è stato posto che questa era una parte del viaggio che avrei dovuto intraprendere. Il risultato è stato un ottimo adattamento”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy