30
Sep

Schermata 2017-10-01 alle 00.21.52

Della decisione ne è stata convinta tutta la Giuria, presieduta da Andrea Stillacci, Fondatore e Presidente Herezie Group. Il Grand Prix ADCI Awards 2017, scelto tra tutti gli Ori, per la prima volta nella storia del premio non va a un’agenzia. Ma a una scuola, Accademia di Comunicazione con il suo Linkedinmate, nato con l’obiettivo di reintegrare gli ex detenuti nel mercato del lavoro, utilizzando le ‘attitudini’ che ciascuno ha messo in gioco nel commettere i reati.

Perché, come ha motivato lo stesso Stillacci, “il senso di un Grand Prix è quello di lanciare un segnale, indicare una strada da percorrere per migliorare. E questo progetto ci ha trovato concordi. Un lavoro straordinario, perfetto in ogni dettaglio. Un lavoro completo, maturo, pertinente e umano. Un lavoro che quest’anno ha saputo mettere gli studenti al centro della nostra attenzione, al centro della nostra ammirazione”.

“Tutti voi sapete che una delle cose che viene detta sempre è che per i giovani nel nostro Paese non c’è futuro”, ha aggiunto Vicky Gitto, Presidente ADCI, sul palco in occasione della premiazione. “Se i giovani hanno queste capacità, il futuro c’è e sarà anche un grandissimo futuro”. E ha aggiunto: “Sono davvero molto orgoglioso di questa edizione degli Awards. Abbiamo avuto giurie impegnate, coinvolte, con punti di vista differenti ma sempre unite da passione vera e coese verso la ricerca dell’eccellenza. In un momento di grande importanza per tutto il comparto della creatività, gli ADCI Award, insieme a IF! Italians Festival, evento che fa dialogare i grandi rappresentanti del mondo della creatività, della cultura  e della comunicazione, sono un volano per dare un presente più rilevante e un futuro tangibile alle nuove generazioni”.

LinkedInmate è stato realizzato da Angela Celano (Giovane Leone 2017) insieme a Elena Fontani, anche lei del 3° anno del Corso di Art Direction, e alle studentesse del Master in Copywriting, Marta Bacchitta, Sarah Galli, Eleonora Giugliano e Letizia Cisternino, che per un limite di età non hanno potuto partecipare all’edizione di quest’anno dei Giovani Leoni, premio dedicato ai creativi italiani under 30 promosso da Rai Pubblicità, Art Directors’ Club Italiano, PR Hub e Assocom.










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie