Interactive

WhatsApp lancia i Canali, un modo ‘privato’ per ricevere aggiornamenti importanti da persone e organizzazioni. Sarà possibile anche bloccare gli screenshot e gli inoltri dal proprio canale

WA Canali

Mark Zuckerberg ha presentato oggi i ‘canali’ di WhatsApp: un modo semplice, affidabile e privato per ricevere aggiornamenti importanti da persone e organizzazioni direttamente sulla piattaforma di IM più utilizzata.

È stata infatti implementata una nuova tab chiamata Aggiornamenti, dove si possono trovare lo stato e i canali che si sceglie di seguire separati dalle chat con amici, familiari e community. Resta comunque inalterata la possibilità di usa WhatsApp come si è sempre fatto, per le comunicazioni dirette e personali.

I canali sono uno strumento di trasmissione con cui gli amministratori possono inviare testo, foto, video, adesivi e sondaggi. Per aiutare gli utenti a scegliere i canali da seguire, WA sta sviluppando una directory con possibilità di ricerche dove trovare hobby, squadre sportive, aggiornamenti di autorità locali e tanto altro. Senza trascurare la possibilità di accedere a un canale anche tramite link d’invito ricevuti in chat, via eMail o pubblicati online.

Così facendo, WhatsApp punta a sviluppare il servizio di trasmissione più privato disponibile, innanzitutto proteggendo le informazioni personali sia degli amministratori che dei follower. Così come avviene per i messaggi, anche anche gli aggiornamenti dei canali non durano per sempre. Per questo motivo, la cronologia dei canali resterà sui server di WA per un massimo di 30 giorni e gli aggiornamenti smetteranno di essere visibili ancora prima nei dispositivi dei follower. Gli amministratori potranno anche bloccare gli screenshot e gli inoltri dal loro canale.

Infine, WA consentirà agli amministratori di decidere se rendere il proprio canale visibile nella directory o meno, e chi potrà seguirlo. I canali sono pensati per raggiungere un pubblico ampio, pertanto non sono crittografati end-to-end di default. Anche se in alcuni casi canali crittografati end-to-end potrebbero essere utili per un pubblico ristretto, come nel caso delle no profit o delle organizzazioni sanitarie,  si sta pertanto valutando la possibilità di offrirli in futuro.

Per il lancio dei canali, WA collabora con voci internazionali e organizzazioni selezionate in Colombia e a Singapore. Qui i canali saranno disponibili inizialmente per sviluppare e adattare l’esperienza, oltre a scoprire di più su questa funzione.

Nei prossimi mesi, la disponibilità dei canali – e la possibilità per chiunque di crearli – verrà allargata ad altri Paesi. Tra i partner globali per il lancio dei Canali ci sono ONG come l’International Rescue Committee (IRC) e l’OMS, oltre a grandi nomi dello sport come FC Barcelona e Manchester City.

Related articles