Interactive

‘Self Esteem Project’ di Dove: il brand di Unilever ancora una volta contro l’uso dei social media per veicolare contenuti di bellezza tossici. Campagna #DetoxYourFeed di Ogilvy

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Gli adolescenti negli Stati Uniti trascorrono sempre più tempo sui social media. La ricerca del nuovo Self-Esteem Project di Dove dimostra, ad esempio, che 2 ragazze su 3 negli Stati Uniti trascorrono più di un’ora al giorno sui social media, che è più tempo di quanto trascorrano di persona con gli amici. I consigli di bellezza riempiono i loro feed, ma sfortunatamente non sono tutti positivi. Infatti, una ragazza su due afferma che i contenuti di bellezza idealizzati presenti sui social media causano una bassa autostima.

La ricerca del Dove Self-Esteem Project ha concluso però che la maggior parte delle ragazze si rende conto che passare meno tempo sui social media e controllare oggettivamente il feed fa parte della soluzione. In effetti, 7 ragazze su 10 si sono sentite meglio dopo aver smesso di seguire i contenuti di bellezza presenti sui social media. Per anni, Dove ha sostenuto definizioni più ampie di bellezza e ha intrapreso azioni per rendere i social media un luogo più positivo con campagne come #SpeakBeautiful, #NoDigitalDistortion e Reverse Selfie/Selfie Talk.

Oggi, il Dove Self-Esteem Project lancia la campagna #DetoxYourFeed, dell’agenzia creativa Ogilvy, per consentire agli adolescenti di definire i propri standard di bellezza, invitandoli a smettere di seguire tutto ciò che non li fa stare bene con se stessi. Attraverso una serie di film, contenuti educativi e collaborazioni con voci ispiratrici, la campagna incoraggia le conversazioni necessarie tra genitori, operatori sanitari e adolescenti sui pericoli dei consigli di bellezza tossici.

In un film pubblicitario, Toxic Influence, le mamme e i loro ragazzi dialogano sui dannosi consigli di bellezza che affiorano dai social media. Il film mette in evidenza argomenti controversi e pericolosi come ‘fitspo’, o ‘thinspo’ (fitinspiration e thininspiration, accuate di essere ‘pro’ anoressia) e la promozione di procedure cosmetiche ed estetiche sbagliate per le ragazze. Le mamme che hanno partecipato sono state sorprese a loro volta nell’apprendere che questo tipo di consigli di bellezza pericolosi è considerato normale dalle loro figlie.

“Abbiamo identificato un chiaro problema che sta erodendo l’autostima delle nostre ragazze e che necessita attenzione e azione immediate. Abbiamo creato questa campagna #DetoxYourFeed non solo per aumentare la consapevolezza sulla natura insidiosa dei consigli di bellezza tossici, ma anche per aiutare i genitori a navigare in conversazioni difficili e consentire agli adolescenti di smettere di seguire contenuti che li fanno sentire male con se stessi“, ha spiegato in una nota Leandro Barreto, vicepresidente globale di Dove. “Anche se a volte può essere un po’ opprimente, speriamo che contribuirà a conversazioni importanti che porteranno a un’esperienza più positiva per gli adolescenti sui social media”.

L’80% delle ragazze vorrebbe che i propri genitori parlassero loro di come gestire i post di bellezza, quindi il Dove Self-Esteem Project ha sviluppato risorse e strumenti convalidati dal punto di vista accademico per aiutare i genitori a gestire conversazioni importanti con i propri figli e consentire agli adolescenti di #DetoxYourFeed di affrontare concretamente l’argomento, tra cui spiccano:

  • Detox Your Feed: The Parents Guide‘ – un film educativo di tre minuti per genitori, operatori sanitari e tutor su come facilitare le conversazioni con i giovani sui danni dei social media.
  • The Confidence Kit’ – cartella di lavoro gratuita del progetto Dove Self-Esteem e strumento con una nuova sezione, ‘Detox Your Feed: Talking to Your Kids About Toxic Social Media Advice’.

Saranno inoltre messe a disposizione risorse aggiuntive per cambiare il modo in cui genitori e adolescenti pensano e parlano di bellezza. Il workshop Dove Real Talk Parent, un evento virtuale in live streaming gratuito e una sessione di domande e risposte, che si terrà il 12 maggio con l’esperta culturale Jess Weiner e la psicoterapeuta leader Nadia Addesi, vuole fornire ai genitori gli strumenti per combattere l’influenza tossica di questi feed sui social media, per e da parte degli adolescenti.

Credit 

Client: Dove
Alessandro Manfredi: Global Dove, Executive Vice President Unilever
Leandro Barreto: Global Brand Vice President, Dove Masterbrand Unilever
Edoardo Briola: Global Brand Director, Dove Masterbrand Unilever
Leslie Golts: Global Brand Manager, Dove Masterbrand Unilever
Amalie Thompson: Global Assistant Brand Manager, Dove Masterbrand Unilever
Zoe Eungblut: Global Brand Director Digital, Dove Masterbrand Unilever
Juliette Crouzet-Mertens: Senior Global Digital Manager, Dove Masterbrand Unilever

Agenzia: Ogilvy
Daniel Fisher: Global Executive Creative Director (Unilever) & Special Projects Ogilvy
Francesco Grandi: Global Creative Director
Phil Gull: Copywriter
Helen Giles: Art Director
Sian Hughes: Design Lead
Jo Bacon: Global Client Lead
Sam Pierce: Global Managing Partner Ogilvy

Cdp: Smuggler
Fergus Brown: Managing Director
Henry-Alex Rubin: Director
Ray Leakey: Producer
Katie Uhlmann: Talent Liaison
Andrew Sullivan: Line Producer
Gabriela Osio Vanden: Director of Photographer
Editing: Tenthree

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy