Interactive

OMD, Leo Burnett e Connected-Stories lanciano la prima campagna video con creatività dinamiche interattive di McDonald’s per il prodotto McDrive

Tramite la tecnologia di Connected-Stories, i team di McDonald’s, OMD (OMNICOM MEDIA GROUP) e LEO BURNETT COMPANY hanno potuto lavorare in maniera sinergica portando alla luce una data-driven video-strategy con l’obiettivo di personalizzare il contenuto creativo con efficacia ed efficienza, rafforzando il legame fra pianificazione media e produzione creativa. Si tratta di una serie di formati dinamici e personalizzati, in grado di mostrare alcune delle offerte McDonald’s disponibili all’interno del formato stesso, sulla base dell’audience di riferimento.

Con un acquisto media in programmatic sempre più orientato alla specifica utenza di riferimento, la piattaforma di Connected-Stories ha permesso la creazione di quattro formati video master, declinati poi dinamicamente in tempo reale a ogni esposizione in base all’utente che ne viene a contatto.

Ogni utente infatti, in accordo all’audience di appartenenza e al suo comportamento, sarà esposto al video McDrive arricchito da elementi interattivi personalizzati con le varie offerte McDonald’s disponibili. Aggiungendo quindi, oltre a una componente di awareness, anche l’obiettivo di generare conversioni portando i consumatori a visitare McDrive.

A tal proposito, ogni utente avrà la possibilità, tramite una mappa interattiva richiamata al click sul video di una call to action dedicata, di visualizzare il McDrive più vicino rispetto alla propria geolocalizzazione.

Per l’intera durata della campagna – always-on da fine luglio – il team di OMD potrà monitorare costantemente le performance delle singole creatività in maniera granulare e accogliere insights a livello di audience e di user behavior per ottimizzare non solo le creatività ma anche l’acquisto lato DV360.

L’utilizzo di piattaforme di creative management come quella offerta da Connected-Stories, aiuta i team di brand, agenzie media e creative a ridurre i limiti tra pianificazione media e creatività, generando strategie comunicative rilevanti per l’utenza del web. Chiunque venga a contatto con i contenuti pubblicitari nel mondo online esige, ora più che mai, una user experience fluida, ingaggiante, personalizzata e, quando possibile come in questo caso, interattiva e allineata ai propri interessi.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy