Interactive

“Network e analisi dei dati sono gli elementi che sproneranno la ridefinizione della nuova mobilità”. Alessandro Ceratti, Waze Italia, alla conferenza sulla sharing mobility

Alessandro Ceratti, Account Executive Waze Italia

Waze prenderà parte alla conferenza ‘Sharing mobility: dati 2021 e ultime tendenze’ organizzato dall’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility in collaborazione con Monitor Deloitte, in cui verranno presentati i dati e i trend che hanno contraddistinto la sharing mobility in Italia e in Europa nell’ultimo anno. Durante l’evento, che sarà trasmesso in live streaming martedì 20 luglio alle ore 15 sulla piattaforma Lesscars – Laboratorio della mobilità, Alessandro Ceratti, Account Executive di Waze Italia, illustrerà insight e dati esclusivi relativi all’utilizzo dell’auto privata in Italia durante il 2020, anno difficile contraddistinto dalla pandemia mondiale che ha visto un aumento dell’utilizzo dell’auto privata, e i cambiamenti in atto nel 2021.

“Sono contento di poter partecipare a questo evento e di poter dialogare con altri player del settore condividendo il punto di vista di Waze, un’app che, anche grazie al sostegno e al supporto della sua community di utenti, rappresenta uno strumento efficace per combattere il traffico e per affrontare le trasformazioni in atto nel settore della mobilità”, commenta nella nota Alessandro Ceratti. “I dati e le informazioni che condivideremo durante l’incontro, insieme agli spunti offerti anche dagli altri partecipanti, sono sicuro ci permetteranno di costruire un quadro interessante sul futuro della mobilità sia privata sia condivisa”.

Waze, social navigation app gratuita con 140 milioni di utenti in tutto il mondo, è entrata a far parte dell’Osservatorio lo scorso aprile e, attraverso la collaborazione con gli altri membri del network, punta a formulare e promuovere iniziative per una mobilità più sicura, innovativa, sostenibile e connessa per il futuro delle strade italiane. L’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, lanciato nel 2015 è inoltre promosso dal Ministero della Transizione Ecologica, dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.

Nel corso degli anni sono stati molti i progetti volti a migliorare la mobilità promossi da Waze. Nel 2014 ha preso il via Waze for Cities, un programma basato sullo scambio gratuito, collaborativo e bidirezionale dei dati portato avanti attraverso partnership con municipalità ed enti di trasporto in diverse città del mondo. In Italia, ad esempio, Waze è integrata al servizio di car sharing Enjoy e attraverso la sua Community e la collaborazione con Volkswagen, ha reso visibile sull’app oltre 5.000 punti di ricarica per veicoli elettrici.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy