Interactive

Meta smantella due reti di hacker russi e cinesi su Facebook e Instagram, che diffondevano notizie false sull’Ucraina e sulle mid-term election

Meta ha dichiarato oggi di aver smantellato un’ampia rete russa di account falsi che si spacciavano per organi di informazione europei promuovendo una visione favorevole al Cremlino della guerra in Ucraina, oltre a una rete proveniente dalla Cina, che aveva come obiettivo le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti e criticava il governo ceco.

Anche se le campagne non erano collegate, i due interventi sottolineano come le piattaforme dei social media continuino a essere bersagli per gli sforzi di plasmare la narrazione di eventi, ha dichiarato Ben Nimmo, Global threat intelligence Lead di Meta in una nota stampa.

Meta ha affermato che l’operazione russa è la più grande e complessa che ha interrotto, da quando il presidente Vladimir Putin ha invaso l’Ucraina a febbraio. La disinformazione ha coinvolto più di 60 siti web che fingevano di essere organizzazioni giornalistiche europee, tra cui The Guardian e Daily Mail del Regno Unito, Der Spiegel e Bild della Germania e l’agenzia di stampa italiana ANSA.

I vari siti falsi hanno pubblicato articoli in diverse lingue con narrazioni a favore del Cremlino, tra cui l’accusa di corruzione al governo e all’esercito ucraino e l’avvertimento di conseguenze disastrose dalle sanzioni europee alla Russia. La maggior parte dei siti di notizie contraffatte erano tedeschi, ma altri imitavano i siti del Regno Unito, dell’Italia, della Francia, dell’Ucraina e della Lettonia. Nelle fasi precedenti, l’operazione ha creato i propri brand spacciandoli per organi di informazione, alcuni dei quali sono stati condivisi dalle pagine Facebook ufficiali delle ambasciate russe.

La rete cinese era molto più piccola e meno sofisticata: si trattava di 92 account, pagine e gruppi su Facebook e Instagram che complessivamente hanno ottenuto circa 280 follower. È la prima volta che Meta elimina un’iniziativa basata sulla Cina e incentrata sulle elezioni di midterm negli Stati Uniti. Nella primavera e nell’estate di quest’anno, i falsi account si sono spacciati prima per americani conservatori e poi per liberali postando sulla politica statunitense, su personaggi come il presidente Joe Biden, il senatore Marco Rubio (Florida) e il governatore repubblicano della Florida, Ron DeSantis, e su argomenti controversi come l’accesso all’aborto e il diritto alle armi.

La rete ha pubblicato sporadicamente e in genere durante l’orario di lavoro cinese. I suoi post hanno ottenuto uno scarso coinvolgimento su Facebook e Instagram, con alcuni utenti che li hanno definiti falsi, e gli hashtag che ha usato quando ha postato sulla politica americana sono stati raramente utilizzati da account esterni alla rete, ha detto Meta. Oltre che su Facebook e Instagram, la rete operava anche su Twitter e su due siti web di petizioni cechi – una somiglianza che condivideva con la campagna russa.

“Il fatto che si stiano allontanando dai social media e cerchino di trovare altre piattaforme per raggiungere le persone, sia che si tratti di una grande operazione siadi una piccola, è uno sviluppo interessante”, ha concluso Nimmo. “Stanno cercando un posto sicuro su Internet dove non corrono il rischio di essere eliminati”.

Related articles