Interactive

Meta lancia la sua prima campagna di brand con un approccio ‘fantasy’ che vede protagonista il quadro di Henri Rousseau ‘Lotta tra una tigre e un bufalo’. Firmano Creative X e Droga5

Dopo il rebrand in Meta la scorsa settimana, l’azienda già nota come Facebook ha presentato oggi la sua prima campagna di brand, che adotta un approccio inaspettatamente semplice per illustrare i suoi ambiziosi obiettivi: un classico dipinto, a due dimensioni.

Lo spot si svolge in un museo, dove un gruppo di studenti d’arte esamina la vibrante scena della giungla nell’opera del 1908 dell’artista francese Henri Rousseau, ‘Lotta tra una tigre e un bufalo’. Man mano che gli studenti la guardano sempre più da vicino, le creature all’interno prendono vita, attirando gli spettatori dentro il dipinto, dove scoprono ancora più flora e fauna oltre la superficie del lavoro artistico.

La tigre ritratta nel quadro alza lo sguardo e annuncia “Questa è la dimensione dell’immaginazione“, con una voce che suona sorprendentemente simile a quella di Rod Serling di ‘Ai confini della realtà’. Tucani, serpenti, mandrilli, fenicotteri e grappoli di banane iniziano quindi a ballare mentre i giovani osservatori vengono risucchiati ulteriormente, rimbalzando e annuendo al ritmo della musica. ‘Sarà divertente’, recita il payoff, mentre il marchio originale di Facebook e i brand della sua suite di prodotti si uniscono per svelare il nuovo marchio Meta

Lo spot è stato diretto da Andrew Thomas Huang di Object & Animal, noto per i suoi straordinari effetti visivi, come quelli dei suoi video musicali per artisti del calibro di FKA Twigs e Björk. Per disegnare le creature del film, il team di produzione ha invece coinvolto Sonny Gerasimowicz e la  società di visual effect Electric Theatre Collective, che ha sviluppato un processo che coinvolge il machine learning dell’intelligenza artificiale per integrare gli animali e la giungla in ambienti 3D ispirati al dipinto di Rousseau.

La campagna è stata creata dal gruppo interno Creative X, insieme a Droga5, la brand agency da Facebook/Meta. Lo spot è online sulle piattaforme dell’azienda e viene trasmesso in televisione.

Con il suo recente rebrand, Facebook, ora Meta, cerca di riposizionarsi come pioniere della nuova frontiera dell’informatica e della people connection nel metaverso, in un mondo virtuale multidimensionale. “Stiamo davvero cercando di abbracciare e condividere con tutti la visione dell’azienda sulle possibilità del metaverso”, ha affermato in una nota la Global Director of Brand Marketing di Meta, Jasmine Summerset-Karcie.

L’approccio ‘fantasy’ del video è un netto distacco dai precedenti grandi annunci dell’azienda. Durante la pandemia, Facebook ha debuttato con pezzi condivisibili e commoventi creati con l’agenzia Droga5 che facevano intuire, più che affermare, come il social media aiutasse a riunire le persone durante i periodi di lockdown, ad esempio uno spot con la poesia di Kate TempestPeople’s Faces’, o un altro che che si concentrava sui bambini nati durante la quarantena, oppure ancora uno che metteva in evidenza gli sforzi dei lavoratori di un’azienda chiusa per aiutare gli altri.

Insieme alla brand campaign, Meta sta rilasciando nuovi ad video sulla sua suite di prodotti, che aiutano ad ancorare più saldamente l’azienda nel suo meta-kingdom.

“Gran parte del lavoro del team Meta si concentra sulla condivisione e sull’entusiasmo delle persone riguardo alle possibilità del metaverso”, ha concluso Summerset-Karcie. “Stiamo raccontando la storia di oggi e di domani“.