Interactive

La Human Creativity di The Ad Store conquista la ‘Gen Z’ con il Gaming: l’agenzia entra nel mondo degli eSport come official sponsor di Luminox

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

La human creativity di THE AD STORE ITALIA si mette in gioco, letteralmente. Il campo è quello degli eSport, un territorio che solo nell’ultimo anno, complici il distanziamento sociale, i lockdown e la pandemia, sta crescendo esponenzialmente, raggiungendo numeri da capogiro.

L’operazione di sponsorizzazione di Luminox permetterà a The Ad Store non solo di essere parte integrante di questo settore in crescita, ma di aggiungere un altro tassello alla missione dell’agenzia che sta già dando voce e maggiore attenzione ai ventenni di oggi con una serie di attività che hanno come focus la generazione Z: dalle partnership universitarie per offrire percorsi di accoglienza e formazione agli studenti fino al sostegno progettuale a start-up guidate dai giovanissimi.

È così che Natalia Borri, Chief Creative Officer e Presidente di The Ad Store, racconta la scelta strategica: “In questo contesto si è ben inserita la scelta di diventare main sponsor di Luminox, che non solo è una compagine costituita da 18enni, ma si rivolge al target degli appassionati di e-game, quindi i giovanissimi. Il fatto di vivere in prima persona e respirare nuovi mondi come quello del gaming e degli eSport dal di dentro ci ha permesso di ampliare la conoscenza verso nuovi target per poi poter offrire insight e dati rilevanti sulle generazioni del futuro, per le quali l’entertainment e’ un elemento sempre più importante”.

Diamo uno sguardo ai numeri del Gaming generati dall’inizio della pandemia: nell’ultimo anno si è assistito a un forte aumento del numero globale di spettatori delle trasmissioni di eSport (sia in tv sia in rete), con un volume d’affari complessivo di $947.1milioni nel 2020 e che prevede di subire un ulteriore incremento del 14% entro la fine dell’anno, superando il miliardo (Fonte: Reuters ‘Newzoo: Esports industry revenue expected to surpass $1B in 2021’).

All’interno della compagine europea, Italia e Spagna hanno guidato la classifica di crescita di contenuti eSport registrata rispetto a prima della pandemia al 44%, mentre negli altri paesi dell’UE questa quota si è contenuta entro il 30-38% (Fonte: Deloitte ‘Let’s Play! 2020 –  The European e-Sport Market’ report, Settembre 2020). Tra le piattaforme di live streaming che hanno saputo trarre beneficio maggiore dalla pandemia globale, Twitch (Amazon) e Facebook Gaming si sono distinte già dalla griglia di partenza con un aumento pari all’80% rispetto al 2019, e Twitch ha conquistato per ora la leadership assoluta grazie anche alle visualizzazioni di Fortnite Battle Royale (in media 137mila al giorno), che l’estate scorsa ha battuto il record di 12,3 milioni di giocatori connessi contemporaneamente.    

 

Related articles

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy