Interactive

Arriva ‘Next Generation Cloud Pioneers’ di Cubbit: prende il via in Italia la prima rete B2B di cloud storage distribuito in Europa

Cubbit, primo provider europeo di cloud storage distribuito, annuncia la partenza del programma ‘Next Generation Cloud Pioneers’, grazie a cui un selezionato numero di aziende adotteranno le nuove tecnologie cloud fornite dalla startup per far nascere la prima rete privata di cloud storage distribuito in Europa. Si tratta di una soluzione tecnologica dedicata al settore B2B che consentirà l’archiviazione e la condivisione di dati in modo sicuro, garantendo sovranità del dato, privacy e rispetto dell’ambiente.

Gartner ha, infatti, identificato il cloud distribuito come uno dei technology trend dei prossimi anni, e Cubbit è l’unica realtà europea ad aver sviluppato una tecnologia proprietaria in questo settore di avanguardia. Le aziende aderenti possono, quindi, essere considerate a tutti gli effetti pioniere nell’utilizzo di questo nuovo modello di cloud che sta emergendo e che è destinato a cambiare il modo in cui salveremo i nostri dati in futuro. Ciascuna di esse ha sottoscritto un pacchetto di adesione, che consente di ottenere molteplici prodotti di cloud storage che saranno rilasciati sulla rete distribuita: il primo è un servizio di file Sync&Share che Cubbit ha già in commercio nella sua versione B2C e che garantisce massima sicurezza nel salvataggio e condivisione delle informazioni. Ciò avviene non solo grazie a algoritmi di cifratura ‘zero knowledge’, ma anche ad ulteriori misure, quali la frammentazione e la distribuzione di ogni dato salvato. Ciò aumenta talmente la sicurezza che nemmeno Cubbit – che agisce da cloud provider – può accedere ai contenuti archiviati dai propri utenti.

Il secondo prodotto è un Cloud Object Storage S3 Compatible, tecnologia cloud altamente scalabile e sempre più utilizzata dai dipartimenti IT. Infine, sarà disponibile l’integrazione con numerosi servizi di backup. In questo modo le aziende potranno affiancare i servizi di cloud centralizzato tradizionale con una soluzione di cloud distribuito, all’avanguardia relativamente a privacy, sicurezza, sovranità del dato e rispetto dell’ambiente. Con Next Generation Cloud si apre l’era del cloud distribuito in Italia, grazie al supporto di aziende che si sono unite al programma sostenendo la crescita di questa tecnologia anche attraverso sessioni dedicate di co-design tecnologico, che si svolgeranno nel corso del 2022.

L’obiettivo è, infatti, non solo quello di utilizzare i servizi Cubbit, ma anche di definire i molteplici campi applicativi di questa nuova tecnologia abilitante, per poi poterne aumentare le applicazioni sia per le aziende che fanno già parte del progetto, sia per le aziende che vi aderiranno in futuro. Le cinquanta realtà operano in svariati settori, dimostrando l’applicabilità della soluzione a qualsiasi tipo di mercato: aerospaziale, servizi, ICT e tecnologia, prodotti industriali, manifattura, automazione, meccanica di precisione, consulenza, cooperative, consorzi, PA, agroalimentare e FMCG. Diverse organizzazioni sono dislocate anche all’estero e prevedono di estendere la rete anche nelle filiali straniere.

Ecco come funzionerà la rete distribuita: ciascuna azienda riceverà alcune Cubbit Cell, dispositivi ‘plug&cloud’ che saranno connessi ai router aziendali o direttamente a casa dei dipendenti. I dispositivi costituiranno così lo ‘swarm’, ossia l’insieme di nodi che permettono di creare la rete distribuita. Ogni impresa sarà pertanto utilizzatrice dei servizi e, al tempo stesso, contribuirà allo sviluppo della rete.

Related articles