Wiki Loves Monuments festeggia 10 anni in Italia, al via la nuova edizione del concorso fotografico più grande del mondo

La valorizzazione, conservazione e tutela dei beni culturali passa oggi dalla digitalizzazione ed è sempre più urgente capire con quali risorse, strumenti e modalità sia possibile favorirne la documentazione, la fruizione e l’accessibilità. Questo soprattutto in Italia, dove la densità e capillarità territoriale del patrimonio culturale rappresenta una sfida per questa valorizzazione.

Con queste premesse parte la nuova edizione di Wiki Loves Monuments, il concorso fotografico più grande al mondo, che contribuisce alla libera condivisione su Internet di contenuti relativi alla valorizzazione e conservazione di siti culturali e monumenti in tutto il mondo.

Promosso da Wikimedia Foundation, Wiki Loves Monuments rappresenta un’opportunità per la diffusione, promozione e tutela del patrimonio culturale di ben 93 Paesi. Dalla sua prima edizione, il concorso ha contribuito a documentare 1,5 milioni di monumenti, con oltre 2,6 milioni di immagini caricate da più di 98.000 partecipanti. Anche l’edizione italiana, che quest’anno festeggia i suoi 10 anni, si conferma un prezioso strumento collaborativo di documentazione digitale dei monumenti: dal 2012, circa 7.900 partecipanti hanno caricato su Wikimedia Commons più di 155.000 fotografie inerenti a oltre 15.900 monumenti e beni culturali, che diventano oltre 16.600 nel 2021. Amministrazioni pubbliche, enti culturali e religiosi, proprietari privati e un gran numero di volontari sono i veri pilastri dell’iniziativa: le autorizzazioni ricevute da parte delle istituzioni sono circa 200, che si uniscono alle 2.100 degli scorsi anni.

Il contributo dei volontari è stato fondamentale per l’organizzazione dei concorsi locali, che puntano in maniera capillare alla valorizzazione del territorio. Nove in totale le edizioni del 2021, a cui hanno partecipato Abruzzo, Basilicata, Lago di Como, Liguria, Marche, Puglia, Valle del Primo Presepe, Veneto e Toscana. Il caricamento su Wikimedia Commons di foto realizzate a monumenti relativi a queste aree permetterà automaticamente di partecipare sia al concorso locale che a quello nazionale.

In Italia, l’uso commerciale delle immagini dei beni culturali è fortemente limitato dal Codice dei beni culturali e del paesaggio, che richiede l’autorizzazione degli enti proprietari o gestori del bene. Nonostante le modifiche applicate nel 2014 e nel 2017 al Codice, non è possibile riprodurre immagini per fini commerciali. Da qui l’appello di Wikimedia Italia alle amministrazioni locali, affinché permettano di rendere condivisibili online le immagini dei loro monumenti e siti culturali locali con licenza libera. Questo a beneficio degli stessi comuni, che nel turismo potrebbero trovare la chiave per la ripartenza: le fotografie caricate su Wikimedia Commons, la banca dati multimediale di Wikipedia con licenza libera, diventano infatti accessibili e fruibili a tutti, per scopi anche commerciali, per lo sviluppo di nuovi servizi quali App, guide turistiche o pubblicazioni.

Come partecipare

La partecipazione al concorso è gratuita e aperta a tutti: dal primo al 30 settembre, basterà caricare su Wikimedia Commons una o più foto con licenza libera CC BY-SA. Sarà possibile caricare le proprie foto sia tramite pc sia tramite l’app Wiki Loves Monuments Italia, scaricandola tramite download diretto o da Google Play, App Store e Huawei App Gallery.

Le foto che parteciperanno al concorso saranno selezionate da una giuria preliminare, nominata da Wikimedia Italia, e poi sottoposte all’esame della giuria finale che sceglierà, tra le opere selezionate, i vincitori. La premiazione è prevista a dicembre.

Ulteriori informazioni sul sito di Wikimedia Italia, Wikipedia e Wikimedia oppure iscrivendosi alla newsletter Wiki Loves Monuments.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy