26
Sep

Schermata 2013-09-26 alle 17.20.58

‘Incidente’ radiofonico per Guido Barilla, presidente dell’omonimo gruppo, che ieri a La Zanzara di Radio 24, invitato a rispondere all’intervento del presidente della Camera Laura Boldrini sul ruolo della donna in pubblicità e in particolare sulla mamma che serve a tavola, ha ingenuamente dichiarato “non farei mai uno spot con una famiglia omosessuale. Non per mancanza di rispetto ma perché non la penso come loro, la nostra è una famiglia classica dove la donna ha un ruolo fondamentale”.  E in tempo quasi reale sul web non sono mancate le reazioni di più parti, con tanto di dichiarazioni, anche istituzionali, come quelle di Fabrizio Marrazzo, presidente del Gay Center, e Alessandro Zan, deputato di Sel. Nonché tweet e ironici hashtag come #boicottabarilla.

Tanto che l’azienda oggi si è vista costretta a intervenire con una nota ufficiale. “Con riferimento alle mie dichiarazioni rese ieri alla zanzara, mi scuso se le mie parole hanno generato fraintendimenti o polemiche o se hanno urtato la sensibilità di alcune persone. Nell’intervista volevo semplicemente sottolineare la centralità del ruolo della donna all’interno della famiglia”, commenta Guido Barilla. E aggiunge: “Per chiarezza desidero precisare che ho il massimo rispetto per qualunque persona, senza distinzione alcuna. Ho il massimo rispetto per i gay e per la libertà di espressione di chiunque. Ho anche detto e ribadisco che rispetto i matrimoni tra gay. Barilla nelle sue pubblicità rappresenta la famiglia perché questa accoglie chiunque e da sempre si identifica con la nostra marca”.










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie