Youmark

Gli hamburger vegani e il furto di identità. UNICEB lancia la campaga e la UE è chiamata a decidere

Devono continuare a chiamarsi bistecche, salsicce e hamburger solo quelle ottenute dalla carne per non ingannare i consumatori sulle reali caratteristiche del prodotto. E’ quanto afferma in una nota la Coldiretti in riferimento al voto del parlamento europeo sull’abolizione del divieto di definire carne qualcosa che non arriva dal mondo animale. E’ inaccettabile un furto di identità che – sottolinea la Coldiretti – permette di chiamare con lo stesso nome prodotti profondamente diversi e provoca confusione nel carrello della spesa.

I consumatori, precisa la Coldiretti, rischiano di trovare sugli scaffali finti hamburger con soia, spezie ed esaltatori di sapore o false salsicce riempite con ceci, lenticchie, piselli, succo di barbabietola o edulcoranti grazie alla possibilità di utilizzare nomi come burger vegano e bistecca vegana, bresaola, salame, mortadella vegetariani o vegani con l’unico limite di specificare sull’etichetta che tali prodotti non contengono carne.

“Una strategia di marketing con la quale si approfitta deliberatamente della notorietà e tradizione delle denominazioni di maggior successo della filiera tradizionale dell’allevamento italiano con il solo scopo di attrarre l’attenzione dei consumatori, rischiando di indurli a pensare che questi prodotti siano dei sostituti, per gusto e valori nutrizionali, della carne e dei prodotti a base di carne”, sototlinea il Presidente della Coldiretti, Ettore Prandini. “La carne ed i prodotti a base di carne fanno parte della dieta tradizionale dei nostri territori e regioni le cui ricette tramandate nei secoli appartengono di fatto al patrimonio gastronomico italiano. Occorre regolamentare con trasparenza sull’etichetta il consumo di nuovi prodotti che sono entrati a far parte della spesa degli italiani senza equivoci che rischiano di limitare la libertà di scelta dei consumatori”.

Tra i circa mille emendamenti al voto sul tema vegetale, quelli su cui si sta concentrando l’attenzione della filiera delle carni sono tre. Il primo prevede la tutela delle denominazioni, vietando ad esempio di chiamare hamburger un prodotto esclusivamente vegetale. Il secondo prevede il mantenimento della situazione attuale, in cui è possibile  usare la denominazione relativa al prodotto carneo ma indicando accanto al nome del prodotto, la sua naturale vegetale (per esempio salsiccia vegetale). Mentre il terzo, prevede di ammettere solo l’uso di termini come hamburger e salsiccia per prodotti vegetali mentre riserverebbe ai prodotti a base di carne denominazioni quali prosciutto, bresaola ecc.

UNICEB a sostegno ha avviato un campagna sui principali quotidiani italiani (Corriere della Sera, Repubblica, La Stampa, Il Messaggero, Milano Finanza e Italia Oggi) la cui pubblicazione è prevista proprio per la giornata di domani con creatività firmata Studio Terra.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy