Youmark

A Milano, in Triennale, fino al 28 luglio, PosSession, la mostra fotografica di Cinzia Pedrizzetti. Molto più che fotografie, un progetto. Con il carcere di San Vittore, per raccontare la detenzione al femminile e il recupero che parte dall’arte. Teatro, workshop, confronti

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Come al microfono di youmark raccontano l’autrice, la regista e fotografa Cinzia Pedrizzetti, e il direttore della Casa Circondariale di Milano San Vittore, Giacinto Siciliano.

Il progetto è articolato in due mostre. In Triennale Milano con gli scatti dedicati alle detenute e a San Vittore, per l’occasione aperto ai cittadini, con le foto dei backstage delle prove e degli spettacoli teatrali allestiti in carcere.

Cinzia Pedrizzetti ha immerso le protagoniste in due differenti atmosfere. Una anomala rispetto alla quotidiana delle celle, l’altra naturale. Nella prima le detenute vestono i loro pannni, nella seconda quelli di scena, in quanto attrici dello spettacolo dedicato a Frida Kahlo, prodotto e diretto da Donatella Massimilla che da 25 anni si occupa di teatro in carcere con la cooperativa sociale CETEC (Centro Europeo Teatro e Carcere, al via il 19 luglio all’interno del carcere.

Ricordando che, sempre a San Vittore, la stessa Pedrizzetti condurrà un workshop di fotografia di tre giorni aperto anche ai cittadini, che darà diritto alle detenute allo speciale permesso di poter uscire e fotografare nel giardino di Triennale i visitatori presenti.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy