Interactive

welovelievito.it celebra la Giornata Mondiale della Pizza con Gino Sorbillo. Firma Living Brands

La pizza perfetta? Si può fare anche a casa, seguendo alcuni accorgimenti, a patto di partire dal lievito, ingrediente essenziale per il piatto più amato dagli italiani, che dà il ‘là’, letteralmente, all’impasto. Parola di Gino Sorbillo, notissimo pizzaiolo napoletano, ospite sui canali social del portale welolievito.it in occasione della Giornata Mondiale della Pizza.

In un susseguirsi di video, Sorbillo fornisce alcuni consigli utili per preparare, anche a casa, un buon impasto per la Pizza Margherita, che proprio a Napoli vide la luce. L’iniziativa si lega infatti alla campagna di promozione voluta dal Gruppo Lievito di ASSITOL, che rappresenta i produttori dell’ingrediente principe della panificazione, e curata dall’agenzia LIVING BRANDS.

 

Sui profili Facebook e Instagram, Gino Sorbillo si sofferma innanzitutto sull’impiego del lievito, che i pizzaioli casalinghi devono maneggiare con delicatezza. “Ne basta poco da sciogliere in acqua ma va trattato in guanti bianchi, perché è grazie a questo ‘essere vivente’ che prende vita l’impasto”. Per questo va conservato con cura a una temperatura di 4 gradi in frigorifero. Da qui, va tolto soltanto al momento della preparazione.

Nell’impasto il lievito si sposa con gli altri ingredienti, come la farina setacciata, il sale marino e l’acqua. Ed ecco un altro accorgimento utile: l’acqua deve essere rigorosamente fredda di rubinetto. Accanto al giusto utilizzo del lievito, l’altro segreto per fare una buona pizza sono i tempi e il ritmo con cui la si prepara. Come racconta Sorbillo, “per formare e rafforzare l’impasto, occorre lavorarlo prevedendo delle piccole pause”. Anche la lievitazione vera e propria ha bisogno di tempo, ben otto ore. Questo passaggio è importantissimo anche perché rende più digeribile e leggera la pizza.

Per una cottura perfetta, un ultimo trucco: “accendere mezz’ora prima il forno domestico”. Per la farcia, la tradizione napoletana impone pomodoro, mozzarella e basilico: in pratica, il tricolore. Così l’aveva pensata il pizzaiolo Esposito che, nel 1889, la preparò per il re Umberto I e la regina Margherita, in visita a Napoli. La pietanza piacque talmente ai reali italiani da essere ribattezzata con il nome della regina, che si innamorò di quel mix perfetto di sapori e profumi.

“Festeggiamo la Giornata mondiale della pizza in cucina, seguendo i consigli di Gino Sorbillo – è l’invito del Gruppo Lievito di ASSITOL – sarà comunque un momento lieto: pochi piatti sanno coniugare tanto bene gusto, tradizione e buon umore”.

“Per noi è un grande orgoglio essere ancora al fianco del Gruppo Lievito di ASSITOL, per il secondo anno, vedendo confermata la fiducia nel nostro pensiero creativo e strategico, con l’obiettivo di raccontare correttamente e valorizzare, presso un’audience ampissima, le caratteristiche uniche di uno degli ingredienti, degli esseri viventi, più antichi e fondamentali per la nostra cultura alimentare”, commenta nella nota Francesco Antinolfi, Presidente e Direttore Creativo di Living Brands. “Ecco perché per celebrare la Giornata Mondiale della Pizza, che non esisterebbe senza il lievito di birra, abbiamo voluto coinvolgere colui che è senza dubbio la star pop più famosa in Italia e nel al mondo di questo piatto trasversalmente amatissimo”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy