Interactive

Twitter protagonista della cronaca e dei licenziamenti sotto la guida di Elon Musk. “Ma il vero problema è Meta”, secondo sir Martin Sorrell

Sir Martin Sorrel, Executive Chairman S4 Capital

“Il problema è Meta“, ha dichiarato sir Martin Sorrell, fondatore di WPP e presidente di S4 Capital, a Bloomberg TV durante la Web Summit Conference tenutasi giovedì a Lisbona, rispondendo alla domanda sulle debolezze emerse della pubblicità digitale. “Snap e Twitter non sono esattamente esenti dagli errori, ma ognuna di queste due piattaforme rappresenta circa l’1% dei media digitali globali”.

La dichiarazione è stata quasi contemporanea alla decisione del neoproprietario Elon Musk di licenziare la metà della forza lavoro di Twitter staccando gli account lavorativi dei dipendenti dalle email della società e da Slack.

Le quattro principali piattaforme pubblicitarie digitali, come è noto, sono Alphabet, Meta, Amazon, e TikTok di Bytedance, unica cinese tra le ‘big tech four’. Le azioni di Meta e Amazon sono crollate negli ultimi giorni dopo aver mancato le previsioni di guadagno, ma “non si tratta di un crollo”, ha sottolineato Sorrel, “bensì di un assestamento del mercato, amplificato dalla velocità con cui tutto ora si muove nei mercati”.

Dopo la controversa acquisizione di Twitter da parte di Musk per 44 miliardi di dollari, i clienti di S4 stanno adottando un approccio ‘attendista’ nei confronti della piattaforma, ha dichiarato Sorrell. Rivali come la holding di agenzie Interpublic Group Co. hanno invece consigliato di sospendere il marketing su Twitter, aveva riferito Variety all’inizio di questa settimana, citando una fonte anonima.

“Non è ancora chiaro il punto di vista di Elon Musk sulla moderazione dei contenuti“, ha affermato Sorrell. “La domanda è: come funzionerà? I clienti non vogliono conflitti, non vogliono polemiche. Vogliono un ambiente stabile, e quello che abbiamo visto nell’ultima settimana si può riassumere in ‘troppa incoerenza’“.

Sorrell ha affermato che Twitter è stato storicamente inflessibile con gli inserzionisti e i contratti, consigliando il social media di “ascoltare di più” e di definire una politica di moderazione. La scorsa settimana Musk ha twittato una lettera aperta agli inserzionisti in cui affermava di voler rendere Twitter “la piattaforma pubblicitaria più rispettata al mondo”.

Un portavoce di Meta ha rifiutato di commentare le dichiarazioni di Sorrell, mentre l’Amministratore Delegato di WPP, Mark Read, ha dichiarato separatamente che il consiglio del suo gruppo ai clienti circa gli investimenti pubblicitari “è di continuare normalmente per ora“.

“Le idee di Elon sulle verifiche e l’innovazione promettono di creare un Twitter migliore, il che è positivo per i nostri clienti”, ha ricordato Read per telefono. “Le preoccupazioni sulla brand safety dovrebbero essere valutate in base a ciò che il nuovo CEO fa e all’impatto che ha sulla piattaforma”.

Related articles