Interactive

SpinUp acquisisce Rewave, nasce una media tech company ad alto contenuto tecnologico. Raddoppio del fatturato, lancio di nuovi prodotti e partnership le principali sfide

Antonio Romano, CEO SpinUp

Con l’acquisizione di Rewave, SpinUp integrerà asset tecnologici importanti per lanciare prodotti digitali media b2b e b2c proprietari, completamente a performance, diventando una media tech company, con un’anima tecnologica e innovativa ma sempre con l’estremo core business del media a performance.

L’investimento nell’acquisizione di Rewave riguarda un piano industriale preciso che prevede l’introduzione all’interno di SpinUp di una mente tecnologica ma sempre orientata alla performance media. Con questa acquisizione SpinUp sarà la prima media tech company italiana a lanciare sul mercato con costanza prodotti media innovativi cavalcando ad un ritmo di crescita importante le onde del settore performance marketing.

“Un posizionamento distintivo che propone al mercato soluzioni innovative richiede necessariamente un matching dal perfetto equilibrio tra marketing e tecnologia con un’ arteria sempre basata sulle performance”, afferma Antonio Romano, CEO di SpinUp. “Da qui la nascita del nuovo payoff ‘driven by performance’ con la nuova identity che cambia completamente pelle. L’investimento nell’acquisizione di Rewave riguarda un piano industriale preciso che mira a portare dentro SpinUp una mente tech formata di diversi sviluppatori full stack che pensa alle media performance”.

Tra le novità anche un rebranding, che vedrà l’evoluzione del logo e del sito, per allineare l’immagine aziendale ai prodotti e servizi offerti alla propria target audience.

“Sono molto emozionato per l’operazione che abbiamo portato a termine. All’interno del panorama digital trovare un’azienda che si muova in maniera agile e impattante nel mondo ‘performance’ è difficile tanto quanto trovare un’azienda tech che non si limiti a fare il proprio compitino, ma abbia un team pensante e orientato al marketing. La nuova SpinUp ha entrambe le anime sotto lo stesso tetto; una specie di miracolo”, chiosa Emiliano Negri, CEO di Rewave e oggi nuovo COO di SpinUp. “Sono convinto che l’unione virtuosa di marketing e tecnologia, che purtroppo molto spesso parlano due lingue troppa diverse, possa portare in maniera rapida a risultati molto importanti. Per noi è questo il significato di media tech company”.

L’operazione strategica si inserisce nel programma di ampliamento delle attività di SpinUp che mira a rafforzare i propri servizi e diventare sempre più un fornitore globale di soluzioni innovative, sviluppando nuovi prodotti media ad alto contenuto tecnologico in-house con diverse tipologie di monetizzazione, mantenendo sempre la forte focalizzazione sul ‘performance marketing’ .

Dentro SpinUp, inoltre, entrano tutti gli asset tecnologici costruiti nell’anno e mezzo di vita di Rewave, che troveranno così un nuovo posizionamento e nuovi orizzonti.

La media tech company vedrà l’ingresso di un nuovo team, tra cui un Chief Operation Officer, 3 full stack developer, risorse che grazie al loro valore aggiunto ed al know-how tecnologico andranno ad incrementare lo sviluppo di prodotti innovativi in-house che seguiranno sia l’attuale modello di business con focus sulla lead generation così come nuove soluzioni per poter andare incontro ai desiderata degli utenti. L’azienda quindi arriva ad un totale di 14 risorse.

“Non vediamo l’ora di mostrare al mercato la nostra visione ed i nostri prodotti media”, dichiara infine Antonio Romano. “Siamo qui per fare la differenza all’interno del mercato digital italiano e questa operazione ne è la conferma”.

Raddoppio del fatturato, lancio di nuovi prodotti media e partnership tra le sfide della media tech company

Il primo traguardo che SpinUp intende raggiungere sarà quello di raddoppiare il fatturato dell’anno precedente. Ma gli obiettivi non si fermano qui.

“Attraverso l’acquisizione di Rewave, puntiamo a divenire la prima media tech company italiana che lancerà sul mercato prodotti media innovativi cavalcando a un ritmo di crescita importante le onde del settore performance marketing”,  spiega Antonio Romano. “Nei prossimi mesi lanceremo tre nuovi prodotti media, nello specifico quiztime, joky e community network e Brain, un tool di ottimizzazione delle campagne media che integra i KPI delle campagne, quali CTR (click through rate) e CR (conversion rate) e i dati conversione dell’utente ma tra le sfide più importanti ci sarà l’avvio di una partnership strategica con il principale gruppo editoriale italiano”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy