Interactive

Myntelligence diventa MINT. Per la prima volta al mondo, per centri media e aziende un unico ‘direttore d’orchestra’ delle tecnologie utilizzate. Una ‘call to action’ all’intelligenza umana, in nome della trasparenza e contro ogni spreco

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Oggi Myntelligence diventa MINT, e cambia anche la tipologia di calcolo del business, passando dall’inclusione nel fatturato dei media acquistati per conto dei clienti a una fatturazione che calcola solo i ricavi legati alla cessione del software e dei servizi annessi, come la vera SaaS in cui si è trasformata.

La neonata MINT, grazie ai suoi algoritmi di Intelligenza Artificiale e all’automazione dei processi di pianificazione e di acquisto della pubblicità, libera infatti il tempo delle persone, creando efficienza e riducendo lo spreco.

“Chiuderemo il 2021 con ricavi per 115 milioni di euro, in crescita del 35%”, racconta Andrea Pezzi, CEO di MINT, “e ci prepariamo a un 2022 in cui il fatturato sarà ovviamente inferiore. Ma il passaggio a un modello SaaS ci consente un moltiplicatore superiore – dall’attuale 8X a un 14X sugli utili – e stimiamo che la crescita l’anno prossimo sarà intorno al 100%, mantenendo costanti i parametri di calcolo. La scelta di ‘restituire’ il media ai clienti è un ulteriore elemento di chiarezza”.

Come SaaS, poi, MINT si pone al servizio potenzialmente di tutti gli attori del mercato: una prima segmentazione è già presente nelle diverse tipologia dell’offerta, dalla piattaforma M1, dedicata alle Multinational Corporations e al segmento Enterprise, alla piattaforma M2, che con lo stesso cuore tecnologico e intelligente serve anche il segmento delle small business, fino alla piattaforma M3, indirizzata al segmento delle micro-business. Automazione e intelligenza artificiale per ogni tipologia di investitore pubblicitario, senza distinzioni.

E a questo proposito, Massimo Beduschi, Presidente WPP Italia, presente all’evento di lancio di MINT,  ha lasciato intendere  possibili collaborazioni. L’accordo – che sarà probabilmente oggetto di un altro evento dedicato – confermerebbe la volontà di WPP di mantenersi sulla leading edge dell’evoluzione tecnologica in ambito digital advertising.

Ascolta l'intervista
Related articles

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy