Interactive

MainAd apre una nuova sede a New York, alla guida Ben Segal nel ruolo di VP Americas

Ben Segal, VP Americas MainAd

In una fase cruciale come quella della ripartenza dopo tre mesi di pandemia, MainAd, azienda italiana di programmatic e perfomance marketing, apre una nuova filiale negli Stati Uniti, a New York, con l’obiettivo di supportare i brand attraverso strategie di marketing su misura.

Alla guida della neonata sede americana ci sarà Ben Segal nel ruolo di VP Americas, il quale gestirà lo sviluppo della strategia commerciale negli Stati Uniti. Segal ha in precedenza coperto il ruolo di VP Sales & Programmatic Partnership a Iponweb, dopo le esperienze nell’area commerciale di DataXu e Salesforce. Segal arriva quindi in MainAd con un importante background nell’area programmatic, marketing e vendite.

Il focus di MainAd – che ha sviluppato la tecnologia proprietaria per le attività di midder e lower funnel LOGICO – è quello di accelerare la crescita della notorietà e delle vendite dei brand utilizzando intelligenza artificiale e first-party data per un media buying personalizzato e l’aumento delle conversioni.

“In un periodo di grandi cambiamenti a livello globale, il lancio di MainAd USA assume un significato particolare”, dichiara nella nota Ben Segal. “Quando i budget pubblicitari sono in flessione e cresce la pressione sulle performance diventa fondamentale riuscire a progettare strategie su misura per i brand basate sui first-party data. MainAd offre l’approccio ideale per i problemi che i marketer stanno affrontando in questo momento e crediamo che questo possa contribuire alla ripresa che tutti ci aspettiamo”.

In seguito all’apertura della nuova sede, MainAd prevede assunzioni in diverse aree dell’azienda entro la fine dell’anno: ad operation, business analysis, sales and account management.

L’espansione in Nord America è supportata dai risultati ottenuti nei mercati APAC ed EMEA, dove la fase di riapertura è già iniziata. In un recente studio basato sui clienti attivi durante la pandemia è emerso che solo il 19% dei clienti attivi in gennaio ha deciso di sospendere le campagne nei mesi di Marzo e Aprile. Il 40.2% dei clienti attivi ha inoltre visto un aumento delle vendite tra la prima settimana di Febbraio e la prima di Aprile. Un trend che MainAd si aspetta venga replicato anche negli Stati Uniti nei prossimi mesi.

“I dati sui nostri partner mettono evidenziano che con l’avvento di quello che gli analisti chiamano ‘new normal’ i marketer cercheranno di rimanere top of mind per i loro target audience e di aumentare le conversioni nonostante i tagli ai budget pubblicitari”, afferma Michele Marzan, Chief Strategy Officer e Membro del board di IAB Italia. “Ci aspettiamo una traiettoria simile a livello globale e in particolare negli Stati Uniti, il mercato più dinamico in questo settore”.

“Da quando abbiamo iniziato il nostro percorso di espansione a livello internazionale, siamo stati capaci di aprire filiali in diverse regioni come EMEA, APAC e LATAM”, conclude Marino Gualano, General Manager e Co-fondatore di MainAd. “Siamo lieti di affacciarci al mercato statunitense, il più competitivo per quanto riguarda le tecnologie per la pubblicità, e siamo sicuri che il nostro approccio performance-based e client-oriented sarà la chiave del nostro successo”.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy