Interactive

‘Joga Na Subida’: campagna di Puma e BETC Havas in Brasile contro le differenze di risorse a disposizione del calcio femminile e maschile

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Google Youtube” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Nonostante i grandi progressi del calcio femminile negli ultimi anni, il Brasile è ancora lontano dall’essere il paese del calcio per la donne. Un sondaggio ha mostrato che solo l’1% degli incassi dei club della Serie A brasiliana è destinato a promuovere il calcio femminile. È come se le donne giocassero su un pendio in salita, dove è difficile sviluppare un gesto atletico anche disponendo di molto talento individuale, con difficoltà che si presentano in ogni momento.

Con queste premesse Puma, in collaborazione con BETC Havas São Paulo, ha creato al campagna ‘Joga Na Subida‘ (The Unlevel Playing Field) per aumentare la consapevolezza delle differenze nei contributi finanziari e negli incentivi che esistono tra il calcio maschile e quello femminile nel paese.

“Essere partner di un marchio come Puma, che osa realizzare un progetto fuori dagli schemi come questo, è un privilegio. Questa idea è la rappresentazione di una fenomeno che deve essere analizzato con attenzione per poter fare davvero un cambiamento”, commenta in una nota Marcelo Ribeiro, Direttore Creativo di BETC Havas.

Il primo passo dell’iniziativa è stato la realizzazione di un campo da calcio utilizzando una struttura inclinata, trasformandolo il terreno di gioco in una ‘scalata’. Quindi, squadre di calcio maschili amatoriali sono state invitate a giocare una partita su questo campo ‘speciale’. Per aiutare a diffondere il messaggio, l’intera azione è stata filmata e trasformata in un video di lancio di un minuto. In una parte del video, vedendo il campo diverso, i giocatori avvertono già che la partita sarà difficile: si percepisce la difficoltà delle squadre nello svolgere il gioco e addirittura anche nel restare in piedi.

“La sorpresa dei giocatori quando hanno visto un campo da calcio più alto di 2 metri sul lato in salita è stata unica, ed è diventata ancora più grande quando abbiamo spiegato a tutto il gruppo che questa era una rappresentazione della difficoltà che ogni atleta donna affronta“, spiega Victor Castelo, direttore creativo associato dell’agenzia.

Ad avallare l’iniziativa, l’azione ha visto anche la partecipazione dell’asso e giocatore del Corinthians e della nazionale brasiliana, Tamires Dias: dopo l’esperienza di giocare in salita, gli uomini ora sanno qualcosa in più delle difficoltà del calcio femminile e di come si sentono questa squadre per non avere né il giusto riconoscimento né gli investimenti dovuti. Il film si conclude con un’importante provocazione: ‘E allora? Vogliamo compensare questa differenza?’.

Per dimostrare quanto sia difficile per le donne giocare a calcio in Brasile, la campagna proseguirà con la partecipazione di influencer ed ex giocatrici.

Credit

Agenzia: BETC Havas
Cliente: Puma
Campagna: #JogaNaSubida (The Unlevel Playing Field)
CCO: Erh Ray
ECD: Andrea Siqueira
Creative Director: Marcelo Ribeiro
Associate Creative Director: Victor Castelo
Creatives: Victor Castelo, Philippe Demar e Guilherme Markert
Integrated Production Director: Anna Luisa Ferraz
Producers: Juliana Arantes, Rafael Paes e Dayane Dantas
Scene director: Luigi Dias
Editor: Arthur Carvalho
Graphic Production: Gilmar Souza, Carlos Valeriano e Marcio Brusaferro
Audio Production: Mission music
Music producer: Gabriel Soster
Account: Luciana Fernandes
Coproduction company: Santeria Filmes

Related articles

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy