Interactive

Il mercato italiano della Blockchain vale circa 26 milioni di euro nel 2020. L’attuazione del PNRR spingerà la crescita a +20% yoy nel triennio 2021-2024

“La Blockchain traccia e valorizza processi e filiere rendendoli più sicuri e affidabili. Questa tecnologia sarà fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi stilati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ma sono necessarie le competenze per supportarla”, sottolinea in una nota Marco Gay, Presidente di Anitec-Assinform, l’Associazione di Confindustria che raggruppa le principali aziende dell’ICT. “Nel PNRR viene menzionata solamente una volta per le attività di verifica e audit dei processi di eProcurement (‘Status chain’) ma è strategico sottolineare che gli ambiti di applicazione sono molteplici e applicabili orizzontalmente alle 6 missioni riportate nel piano”.

La Blockchain è uno degli strumenti abilitatori (Digital Enablers) della trasformazione digitale del Paese insieme a Cloud, Cybersecurity, Intelligenza Artificiale e IoT che hanno trainato il mercato digitale durante la pandemia e che incideranno sull’evoluzione della società nei prossimi anni e sono i pilastri su cui si fonda la crescita degli investimenti tecnologici.

Il mercato della Blockchain registra in Italia valori ancora contenuti, pari a poco più di 26 milioni di euro nel 2020, con una crescita anno su anno che però prosegue a tassi a due cifre (+18%). Le previsioni di crescita del mercato della Blockchain si attestano invece a un tasso di crescita medio del 20% nei prossimi tre anni (2021-2024) e sono fortemente condizionate dall’attuazione nel PNRR.

“Si sono aperte nuove prospettive al di là dell’emergenza e il PNRR dovrà tradursi in un vero e proprio salto di livello nel processo di digitalizzazione del paese – continua Gay – puntando su alcune priorità come la banda ultra-larga per tutti, le filiere industriali ‘intelligenti’, la digitalizzazione di interi settori (sanità e PA), le startup innovative e le competenze digitali. Il grande sforzo di investimento previsto dal PNRR costituisce un’opportunità unica non solo per il rilancio del paese, ma anche per il rilancio del settore ICT, grazie al ruolo cruciale che avranno tecnologie come la Blockchain, l’Intelligenza Artificiale, i Big Data e la Cybersecurity”.

In questo contesto, il White Paper redatto da Assintec-Assinform vuole contribuire a individuare possibili interventi per la diffusione della Blockchain nell’Italia post-pandemica. Anitec-Assinform ha curato un documento che, partendo dai primi elementi fondamentali – definizioni, storia, applicazioni di questa tecnologia – illustra i risultati attesi dall’applicazione e dall’investimento in Blockchain a livello di Sistema Paese.

La rivoluzione digitale della Blockchain è partita dal mondo delle criptovalute con il Bitcoin e, per quanto la sua affermazione sia stata dirompente negli ultimi anni, è una tecnologia che deve ancora diffondersi appieno nella PA e nelle imprese pur avendo potenzialità applicative molto vaste. Certamente sarà necessario intervenire sul quadro normativo, che appare ancora rarefatto con poche norme a disciplinarne usi e requisiti a livello sia europeo sia nazionale. Non mancano però le iniziative, come ad esempio il Digital Finance Package, un pacchetto di proposte della Commissione Europea volte a regolamentare quantomeno le applicazioni in ambito finanziario della Blockchain.

Nel White Paper vengono illustrati dodici casi di successo della Blockchain, molti dei quali in settori cruciali per l’economia italiana, come ad esempio l’agroalimentare, la moda, l’automotive, il turismo e la cultura, i servizi satellitari e l’energia. L’estrema varietà di applicazioni della Blockchain ne dimostra la grande adattabilità sia a industry diverse, sia a funzioni diverse nella catena del valore: se, da un lato, sono ormai classiche applicazioni della Blockchain per garantire la tracciabilità dei prodotti nell’industria agrifood, dall’altro, notevoli prospettive si aprono in relazione alla garanzia di qualità dei ricambi nell’automotive o per quanto riguarda le comunicazioni tra satelliti in ambito di servizi satellitari. In generale, l’immutabilità e l’inviolabilità di una Blockchain sono i caratteri che la rendono più appetibile per le aziende. Infine, vengono individuati e sviluppati considerazioni e valutazioni per rimuovere i principali limiti legati all’adozione da parte del mercato e al funzionamento della tecnologia.

Il documento termina con un’attenta valutazione sulla relazione tra Blockchain e Intelligenza Artificiale che fa parte dei Digital Enablers (gli strumenti abilitatori della trasformazione digitale) sempre più in rapida espansione e tra i temi centrali di Anitec-Assinform. Blockchain e AI sono due tecnologie diverse ma accomunate dalla centralità dei dati; è quindi opportuno che siano considerate insieme nell’ottica del piano di Trasformazione 4.0, anche considerando l’impegno del Governo a sostenere l’iniziativa Gaia-X in cui la definizione dei Data Space fornisce il contesto allo sviluppo e applicazione di IA come di Blockchain.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy