Interactive

I siti di media rivoluzionati dal coronavirus. Ma la gente non vuole pagare per news affidabili. La ricerca relativa a USA e UK

Tenersi informati in questo momento è fondamentale, dato che man mano che l’epidemia di coronavirus si diffonde, sempre più comunità, brand e aziende ne risentono.

GlobalWebIndex ha monitorato questi effetti in diversi settori attraverso una serie di contenuti mirati. In questo white paper, ad esempio, viene pubblicato un set di dati, relativo agli Stati Uniti e al Regno Unito, dedicato ai media e al consumo di notizie.

In questa ricerca sono state esplorate le abitudini di consumo dei media dallo scoppio della pandemia, analizzando più a fondo ciò di cui i consumatori consumano maggiormente (e pianificano di continuare dopo la fine della crisi), quali fonti di informazione trovano generalmente più affidabili, che cosa vogliono sia maggiormente coperto da notiziari e giornali, e infine la loro disponibilità a pagare per ottenere informazioni affidabili.

Non sorprendentemente il 68% dei consumatori afferma di essere alla ricerca di aggiornamenti di coronavirus su Internet: il Covid-19 attualmente domina il tempo online dei consumatori trasversalmente a mercati, reddito disponibile, genere e la maggior parte delle fasce d’età, con l’eccezione della Gen Z, che invece ha maggiori probabilità di ascoltare musica (71%) rispetto alla ricerca di aggiornamenti di coronavirus (67%) .

Gli uomini (73%) sono più propensi a cercare notizie sul coronavirus rispetto alle donne (62%), ma questa rimane ancora l’attività principale per entrambi i sessi.
Oltre al tema del coronavirus, le persone consumano una vasta gamma di contenuti di intrattenimento online durante l’epidemia, come ascoltare musica (58%), guardare film/spettacoli (49%), guardare video divertenti (42%), giocare (Mobile Gaming) (40%) e raccogliendo meme (32%). In particolare, alcune di queste attività riguardano la ricerca di contenuti umoristici: ciò coincide con il fatto che molti sono alla ricerca di storie positive o contenuti non coronavirus nelle notizie. Intrattenere i contenuti è particolarmente importante per le giovani generazioni: il 54% della Gen Z guarda meme online e il 52% guarda video divertenti.

Inoltre, circa 1 Millennial su 5 è attualmente alla ricerca di vacanze, il che suggerisce che questa generazione potrebbe essere più aperta alla pianificazione dei viaggi e potrebbe preparare piani per dopo l’epidemia.

L’epidemia, infine, sta riportando in auge gli aspetti ‘sociali’ dei social media: il 49% degli utenti negli Stati Uniti e il 39% dei consumatori del Regno Unito stanno leggendo notizie circa l’epidemia sui social media. Vi sono però alcune differenze della diverse età: i i baby boomer utilizzano i social media più per rimanere in contatto con gli amici (30%) che per informarsi (27%). Al contrario, il 54% dei Millennial si rivolge ai social media per trovare/leggere ulteriori notizie Covid-related.

Per quanto riguarda infine le condivisioni, il 30% dei consumatori negli Stati Uniti afferma di condividere maggiormente la propria opinione sui social come risultato dell’epidemia rispetto a solo il 16% dei consumatori nel Regno Unito. Millennials e Gen X sono anche più propensi a dire che condividono la loro opinione più di altre generazioni. Gli uomini hanno una probabilità 3 volte maggiore rispetto alle donne di dire di aver iniziato a seguire più giornalisti sui social media (25% contro 8%).

Il consumo dei media è aumentato dallo scoppio della pandemia, ed è principalmente basato su video, con l’87% dei consumatori statunitensi e l’80% di quelli britannici afferma di consumare più contenuti: la trasmissione TV, i video online e lo streaming TV online occupano i primi posti in classifica. Com’era prevedibile, le generazioni più giovani hanno un consumo mediatico generalmente maggiore rispetto a quelle più anziane, mentre poco più della metà della Gen Z afferma che stanno consumando più video online come YouTube e TikTok, rendendoli i loro media principali.

Al contrario il 42% dei boomers consuma più trasmissioni televisive rispetto al 24% della Gen Z. Poco più di 1 boomer su 5 trascorre anche più tempo sulla TV online, con un picco del 41% per i Millennial. Livestream (30%) e podcast (20%), infine, sono più popolari tra i Millennial rispetto alle altre generazioni.

I media online, in particolare, stanno evidenziando capacità di permanenza ‘oltre’ l’attuale pandemia, specialmente negli Stati Uniti: i video online, ad esempio, potrebbero avere il massimo potere di permanenza. Il 76% di chi guarda di video online statunitensi afferma di voler consumare altrettanti di questi contenuti quando l’epidemia sarà terminata, mentre una percentuale minore – il 58% – risiede nel Regno Unito. Il Gaming, invece, potrebbe avere una maggiore capacità di resistenza per i Millennial, con il 77% di questo gruppo che afferma di aspettarsi di continuare a giocare rispetto al 57% di Gen Z. Al contrario le donne hanno molte più probabilità degli uomini di continuare a leggere e ascoltare i podcast dopo la crisi, mentre gli uomini hanno maggiori probabilità di continuare a fruire lo streaming e giocare online.

Le app sono fondamentali per connettere le persone in questo momento, ma ci sono differenze chiave tra i mercati: negli Stati Uniti, Facebook è al primo posto in questo momento: il 69% dei consumatori negli USA utilizza Facebook e il 66% afferma di utilizzare Facebook Messenger. Mentre, di converso, nel Regno Unito, WhatsApp viene utilizzato più di altre app per connettersi con amici e familiari, continuando a occupare il primo posto in tutte le classifiche per età, genere e reddito, raggiungendo il 77% tra i Millennial e quelli nella fascia di reddito più elevata.

App come Google Hangouts e Team Microsoft vengono utilizzate più dai consumatori negli Stati Uniti che nel Regno Unito e predominano tra uomini e persone con reddito più elevato, mentre Zoom sta guadagnando spazio tra le giovani generazioni, con quasi 1 su 5 di generazione Z e Millennial che utilizzano questa app per connettersi con i propri cari.

Le informazioni fornite dai governi e dall’OMS sono più affidabili rispetto ai siti o ai canali di notizie: negli Stati Uniti, i consumatori si affidano all’Organizzazione Mondiale della Sanità per le notizie sul coronavirus (61%), mentre nel Regno Unito i consumatori si fidano maggiormente del sito web del loro Governo (62%). Il divario qui potrebbe indicare una sfiducia nel governo degli Stati Uniti a un livello più ampio.
Anche i livelli di reddito fanno la differenza; quelli del gruppo a più alto reddito hanno maggiori probabilità di analizzare e confrontare tutte le fonti più di quelli del gruppo a basso reddito. Infatti, tra questi ultimi, circa 1 su 5 ha selezionato ‘nessuno di questi’ come opzione, suggerendo che esiste un deficit di fiducia tra questo gruppo.

La fiducia verso i social media è complessivamente inferiore del 17%, ma è alla pari con i giornali fisici e il passaparola di familiari e amici ed è superiore ai siti Web, ai siti di video, ai podcast, agli aggiornamenti dei marchi e ai webinar dei governi stranieri.

La disponibilità a pagare per le notizie è relativamente bassa, specialmente nel Regno Unito, dove il tasso di coloro che non sono disposti al pagamento di notizie affidabili è quasi quattro volte superiore a quello di chi  è disponibile a pagarlo. Questo è probabilmente un riflesso del fatto che i consumatori britannici hanno una fiducia molto più forte nell’affidabilità delle risorse di notizie gratuite a loro disposizione rispetto a quelle negli Stati Uniti, in particolare per quanto riguarda i servizi di notizie nazionali e i siti Web governativi.

Massimo Bolchi

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy