Interactive

email marketing, recensioni online e instagram: le leve su cui puntare per i brand beauty. Secondo la ricerca Toluna è il consumatore l’influencer più affidabile

La quarantena ci ha sicuramente insegnato a dedicare più tempo a noi stessi. Coltivare i propri hobby, imparare una nuova lingua, dedicarsi al self-care. La beauty routine per esempio è una di quelle attività che pian piano sono diventate un gesto quotidiano. Come dimostra una recente survey condotta da TOLUNA, il 66% degli italiani – sia uomini sia donne – dedica alla cura di se stessi tra i 10 e i 30 minuti della propria giornata. Tra i motivi spicca il piacere personale (56%), anche se, al contrario di tutti i cliché, gli uomini dichiarano una particolare attenzione all’estetica: il 20% lo fa per sentirsi più bello (contro il 18% delle donne), mentre il 13% per apparire più giovane (contro il 9% delle donne).

Boom eCommerce: convenienza e comodità gli aspetti vincenti

Per il 41% degli intervistati, le abitudini di acquisto ‘beauty’ si sono modificate con la pandemia. Se prima si prediligeva lo store fisico – dove poter testare i prodotti – ad oggi è maggiore la propensione agli acquisti online. Il motivo? A sorpresa non è la sicurezza sanitaria (penultima in classifica). Prevalgono invece la presenza di maggiori offerte e promozioni (48%), più praticità e comodità (48%), prezzi inferiori (43%) e l’elevato risparmio di tempo (40%). Tra i negozi virtuali conquista il primo posto il marketplace (52%) stile Amazon, seguito dal multimarca (24%) come ad esempio Sephora e dalle farmacie online (13%).

Il beauty 4.0 è su Instagram

I social network si rivelano il canale migliore, secondo gli intervistati, per scoprire le novità del settore (45%), tramite sia i profili dei brand (25%) che quelli dei beauty influencer (20%). Medaglia d’oro a Instagram (31%), la piattaforma preferita soprattutto dalla generazione Z (45%), mentre al secondo e al terzo posto troviamo rispettivamente Facebook (26%) e Youtube (22%).

Tra i contenuti social più visualizzati le immagini sono sempre al primo posto (46%). In forte ascesa i video più brevi con tips beauty (39%), mentre i tutorial iniziano a perdere terreno soprattutto tra gli under 35. Emerge così una chiara preferenza per una comunicazione più rapida e diretta.

Takeaway per i brand: l’email marketing e le recensioni online sono le leve su cui puntare  

In un’epoca che crede molto nell’influencer marketing, dalla survey di Toluna risulta che gli intervistati considerano ancora come influencer più affidabile e trasparente il consumatore finale premiando le recensioni online con il 30% delle preferenze, mentre influencer e beauty guru raggiungono solo il 7%. In termini di relazione ‘brand-consumatore’, invece, è estremamente apprezzata l’email marketing (34%) probabilmente perché capace di trasmettere quel senso di esclusività e immediatezza proprio della comunicazione one-to-one.

Sul fronte, infine, della consulenza, anche se l’evoluzione tecnologica è ormai un partner fidato perfino per il settore beauty, tra i tool valutati più utili dai rispondenti primeggiano le FAQ (35%), i consigli tramite chat diretta (34%) o online con un esperto (32%). Poco successo invece per l’Intelligenza Artificiale che occupa l’ultima posizione con solo il 17% delle preferenze. È evidente quindi che lo human touch – anche se virtuale – e il coinvolgimento diretto sono ancora centrali per la shopping experience dei consumatori.

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy