Interactive

Digital tax: IAB Italia per conto del suo Presidente lancia un allarme

Carlo Noseda

Il prossimo 16 novembre sarà la data ultima per presentare emendamenti al testo del disegno di legge sulla digital tax e IAB,  l’associazione che raggruppa oltre 170 aziende della pubblicità digitale vuole lanciare un allarme.

 “Così concepita  – ha dichiarato Carlo Noseda, Presidente di IAB Italiarischia di colpire moltissime realtà italiane che non dovrebbero ricadere nell’ambito di applicazione della digital tax. Come associazione ci appelliamo al Governo per chiarire che i 750 mln dei ricavi vanno considerati solo sui ricavi digitali oggetto di tassazione, così come previsto dall’analoga legge Francese, anch’essa ispirata alla proposta di Direttiva della Commissione UE. Un tale discostamento dal modello francese ed europeo rappresenterebbe una grave minaccia per la competitività del settore digital nel nostro Paese, rendendo la web tax italiana inidonea a raggiungere gli obiettivi di equità fiscale che si prefigge. Bisogna tassare chi le tasse non le paga, non chi è gravato da un total tax rate di circa 60 punti. Deve essere una misura chirurgica che punta all’asimmetria fiscale. Se non corretta, questa digital tax all’italiana, sarebbe beffarda oltre che dannosa”.

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy