Creativity & Beyond

Per la prima volta Fantozzi è testimonial. RED Robiglio&Dematteis firma la nuova piattaforma di comunicazione per soldo.com. Il ragioniere più celebre d’Italia per la carta che semplifica la gestione spese. In modo mostruoso

Paolo Villaggio nei panni del mitico ragioniere Ugo Fantozzi sarà il protagonista della nuova campagna, firmata RED ROBIGLIO & DEMATTEIS, a sostegno di Soldo.com, sistema per la semplificazione della gestione delle spese aziendali. 

Il piano media prevede l’esordio on air in radio. I primi due soggetti si rifanno a dei topos del personaggio inventato da Paolo Villaggio: ‘La corazzata Potemkin’ e ‘La Pina’. Si ride, ma si danno contemporaneamente informazioni per capire come migliorare la gestione delle spese dei dipendenti in trasferta, a volte difficilmente controllabili.

Per doppiare la voce di Fantozzi è stato scelto Matteo Angelo De Mojana di Cologna. Musica e produzione sono di Peperoncino.

Contemporaneamente la campagna si sviluppa sul web con display che replicano altri momenti classici ed espressioni tipiche del repertorio fantozziano.

Per Soldo ha curato l’iniziativa Alessia Sartirana, per RED Robiglio&Dematteis hanno collaborato Teresita Vanotti, Giangiorgio Lombardo, Manuela Colombini, Max Rossi. Pianificazione: Radio RAI, RDS, Radio24 e RTL; web display.

Elisabetta Villaggio, figlia di Paolo Villaggio, commenta nella nota: “Siamo contenti che il personaggio di Fantozzi prosegua a raccontare l’Italia di oggi, anche attraverso la pubblicità. La collaborazione con Soldo e RED Robiglio&Dematteis spero prosegua e dia modo anche alle nuove generazioni di conoscere un cult della letteratura e del cinema italiano”

Riccardo Robiglio, partner di RED, aggiunge: “Per raccontare il più evoluto sistema di gestione delle spese abbiamo pensato al più tartassato dei ragionieri, Ugo Fantozzi. Siamo contenti che il piano media inizi dalla radio, dalla voce di Fantozzi che è l’architrave del personaggio. la corazzata Potemkin e La Pina, due topos fantozziani, saranno i primi due soggetti. Siamo prima di tutto dei fan di Fantozzi e quindi siamo felici di poter lavorare sul suo enorme patrimonio di parole, di gesti e anche di un certo modo di vedere la vita”.