Updating

Mastercard e Doconomy lanciano la carta di credito che non inquina. Misura il Co2 ogni volta che paghi e non superare il limite

Doconomy, start-up svedese, ha collaborato con Mastercard per lanciare sul mercato la prima carta di credito con il limite al carbon fossile: DO Black, a supporto delle azioni pro ambiente.

La carta DO Black non solo aiuta gli utenti a tracciare e misurare le emissioni di Co2 associate ai loro pagamenti, ma pone un limite all’impatto ambientale delle loro spese.

In poche parole, è la prima carta di credito ad impedire ai consumatori di superare il limite, basandosi non sul credito, ma sui livelli di emissioni di Co2 causati dalle loro azioni.

Per raggiungere gli obiettivi sanciti dall’accordo di Parigi ed evitare una crisi climatica irreversibile, le emissioni globali di gas serra dovranno essere ridotte della metà entro il 2030, per poi declinare fino a raggiungere la neutralità climatica entro la metà del secolo.

Lo scopo principale di DO Black è quindi quello di garantire un cambiamento comportamentale e di agire come uno strumento nuovo, radicale e innovativo per proteggere il pianeta.