08
Apr

Le Nazioni sono delle marche come quelle commerciali. La loro equity si forma grazie alle impressioni derivate da cultura, tradizioni, politica ed esperienze. E sono queste a determinare investimenti, commercio, consumi, influenza culturale e politica. Così dice il Best Countries, ricerca proprietaria di BAV Consulting, società globale di consulenza strategica di Young & Rubicam Group, con expertise sulle strategie di corporate, di brand e di marketing. Lo studio è stato condotto in partnership con U.S. News & World Report e la Wharton School della University of Pennsylvania.

In occasione dell’incontro che si è tenuto ieri a Milano, Il Ceo John Gerzema ha analizzato i risultati dello studio, frutto delle interviste a 16.200 persone che hanno generato un ranking di 60 Paesi. In particolare il focus è stato sui risultati relativi alla marca ‘Nazione Italia’. Nel ranking globale l’Italia si classifica in generale al tredicesimo posto, ma è sul podio per quanto riguarda l’Eredità dal passato, la Bellezza del territorio, l’Influenza culturale.

E l’influenza culturale di un Paese passa anche attraverso le marche che riesce ad esportare nel mondo. Chiara Gilli, Senior Strategist e BAV Specialist di Y&R Italia, ha dunque presentato i risultati 2016 del BrandAsset Valuator. L’obiettivo che si è posto Y&R Italia è stato di identificare i fattori di immagine dietro al successo globale delle marche italiane all’estero.

(Ascolta al microfono di youmark Chiara Gilli, strategic planner Young & Rubicam Group, a proposito di archetipi, mercati, comunicazione e marketing mix per avere successo nei diversi mercati. Sapendo che le regole vanno conosciute per ‘disattenderle’, insomma, la differenziazione premia). segue sotto

Il lavoro di analisi ha preso in considerazione i dati dell’ultima release del BAV, realizzata nel gennaio del 2016, e quelli dei maggiori mercati mondiali in cui è stata recentemente condotta l’indagine (Australia, Canada, Francia, Germania, Regno Unito, Russia, Stati Uniti). Dal confronto tra il percepito della personalità di marca in Italia e il percepito all’estero, il BAV ha messo in luce alcuni profili d’immagine predominanti per i Top Italian Brand nel mondo.

Dall’indagine emerge che i brand italiani sono più dinamici e intriganti all’estero di quanto lo siano nel nostro Paese, perché fuori dall’Italia perdono i tratti di autorevolezza e istituzionalità che li connotano nel Paese d’origine, anche grazie a percorsi di comunicazione ad hoc.

In ogni categoria merceologica, poi, tendono a prevalere una o più strategie d’immagine: nell’automotive le marche si indirizzano sull’Excitement o l’Inventiveness, nel fashion il must have è il Romance, nel food infine, oltre al Romance, le marche possono seguire una strategia di Affection.










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie