19
Apr

Schermata 2017-04-19 alle 11.18.01

La fiducia dei consumatori europei continua a crescere anche nel primo trimestre del 2017. Dopo aver registrato alla fine del 2016 il più alto livello dal 2008, a gennaio 2017 la fiducia dei consumatori dei 28 Paesi dell’UE è cresciuta di altri due punti, raggiungendo i 19,9 punti, per poi assestarsi a 18,9 a marzo. Di segno opposto i dati relativi all’Italia: nei primi 3 mesi dell’anno le aspettative economiche hanno registrato il livello più basso tra i 28 paesi UE considerati nell’indagine.

Nel primo trimestre del 2017, l’indice di fiducia dei consumatori rilevato da GfK per 28 Paesi europei ha continuato a crescere, assestandosi a 18,9 punti alla fine di marzo. Un clima favorevole che si estende anche alle aspettative sul reddito e alla propensione all’acquisto. Gli avvenimenti che hanno caratterizzato gli ultimi mesi – come la Brexit, il rafforzamento dei partiti nazionalisti, il nuovo governo degli Stati Uniti e la guerra in Siria -, spiega la nota,  non sembrano quindi aver influenzato negativamente la maggior parte dei paesi analizzati.

Rimangono tuttavia delle differenze a livello di singolo Paese, con situazioni di incertezza che permangono nonostante il clima generalmente positivo.

Andando ad analizzare le aspettative economiche per i prossimi mesi, emerge come i consumatori italiani continuino a essere i più pessimisti dell’UE. A fine marzo, l’indicatore segnava -53 punti, ovvero oltre 30 punti in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per il secondo trimestre di fila, l’Italia ha registrato la valutazione peggiore tra tutti gli Stati europei. Un risultato che evidenzia chiaramente come i consumatori italiani prevedano un significativo e costante deterioramento della situazione economica nel proprio Paese.

In linea con le aspettative economiche negative, le aspettative sul reddito dei consumatori italiani continuano a essere piuttosto basse. Alla fine del trimestre, l’indicatore registrava -8,9 punti, quasi sei punti in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un dato in controtendenza con i risultati abbastanza positivi registrati alla fine del 2016.

Per la prima volta da maggio 2015, la propensione all’acquisto dei consumatori italiani torna in area negativa, registrando -1,6 punti alla fine del trimestre. Questo indicatore si è quindi ridotto di ben 28 punti rispetto al primo trimestre del 2016. Il clima di incertezza che pesa sui consumatori italiani, sembra avere come conseguenza anche la tendenza a posticipare gli acquisti più importanti, in attesa di un miglioramento delle condizioni economiche generali.

Le tavole con le aspettative economiche dei consumatori italiani nel primo trimestre 2017

Le mappe con tutti i risultati per l’area EU 28










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie