For Good

Zurich e Zurich Connect con il Gruppo DDB ‘trasportano’ i molestatori in Francia contro il cat-calling, perché lì è reato

Alcune funzionalità sono ridotte dalle tue preferenze!

Questo accade perché la funzionalità “Vimeo framework” usa dei cookie che hai scelto di disabilitare. Per vedere il sito completo abilita i cookies: Modifica le tue preferenze.

Insieme a DDB GROUP ITALY, Zurich e Zurich Connect sono scesi in campo contro il cat-calling. Lo hanno fatto volutamente dopo la Giornata Mondiale Contro la Violenza sulle Donne per sottolineare un impegno che va oltre il 25 novembre.

La molestia verbale, considerata reato in Francia, in Italia è ancora tollerata. Per contrastarla, il gruppo assicurativo ha agito sui social, intercettando i commenti sessisti e invitando gli autori a cliccare su un link attraverso uno pseudonimo. A questo punto, i molestatori sono stati ‘trasportati’ in Francia e messi di fronte a una legislazione più severa nei loro confronti.

Oltre all’azione deterrente, l’iniziativa aveva come scopo la raccolta di firme per sostenere la petizione di WannaBeSafe Italia, che si impegna a presentare al Parlamento una proposta di legge capace di rendere il cat-calling perseguibile anche in Italia.

Credit

Chief Creative Officer: Luca Cortesini

Executive Creative Director: Gabriele Caeti

Creative Directors: Salvatore Zanfrisco, Stefano Guidi

Art Director: Linda Faini

Copywriter: Wanda Napoletano

Art stage: Jacopo Guzzari

Copy stage: Noa Consigli

Account Director: Barbara Damonte

Social Media Manager: Pasquale Pinto

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy