Media & Research

‘Walk the Talk’: alla scoperta di GroupM Digital

Giovanna Loi

“Gestiamo circa 2 miliardi di euro di media in Italia”, esordisce Massimo Beduschi, Ceo di GROUPM alla presentazione ufficiale ieri mattina di GroupM Digital, “e la quota di ricavi digitali si è ormai allineata con gli altri maggiori paesi europei, intorno al 30/35%. Questo comporta la necessità, per GroupM, di un cambio radicale per poter mettere a disposizione delle agenzie Wavemaker, Mindshare, MediaCom, gli skill e i processi necessari per rispondere a un mercato di richiede velocità, personalizzazione su larga scala, innovazione e ambienti sicuri che tutelino il brand e la sua comunicazione. Il nuovo Hub Digitale è la risposta di GroupM alle mutate esigenze delle aziende e alla costante evoluzione di tecnologie e modelli organizzativi”.

Da più di un anno infatti, Dati, Programmatic, Search, Social, SEO, Analytics, eCommerce, Data&Tech, Measurement, sono stati riuniti in un’unica struttura di specialisti, GroupM Digital, un gruppo sinergico di talenti ed esperti con l’obiettivo di semplificare i processi e accelerare l’adozione dell’innovazione, guidato da Giovanna Loi, Chief Digital Officer GroupM.

“L’Hub sta diventando un polo di attrazione”, sottolinea Zeno Mottura, Chairman e Ceo MediaCom e VP Digital GroupM. “Un anno fa, con Luca Vergani e Roberto Binaghi, Ceo rispettivamente di Wavemaker e di Mindshare, sullo spunto dell’internazionale del gruppo, abbiamo iniziato questo percorso: i feed back ricevuti ci confermano la strada è giusta”.

“Ci viene spesso richiesto di studiare tutti gli aspetti del business model dell’azienda, segmentare le audience, analizzare i dati e individuare le criticità e le opportunità all’interno dei vari funnel di conversione, elaborare strategie di crescita e ottimizzazione dei principali KPI, sperimentando sia sul fronte dello sviluppo prodotto che delle attività di marketing, sempre con una visione olistica del media Paid e non, che non sono più mondi paralleli ma vasi comunicanti”, conferma Giovanna Loi . “Parlare solo di advertising oggi è riduttivo. La natura dell’agenzia media è del tutto nuova, evoluzione che risponde alle esigenze dei nostri interlocutori, non più solo i media director e i responsabili della pianificazione, ma sempre più spesso anche i CMO e i CTO delle aziende: per questo abbiamo rivoluzionato completamente l’approccio tradizionale, puntando su innovazione e competenze, sulla trasparenza e la condivisione totale con i nostri clienti per meglio interpretare i loro bisogni, traducendoli in una serie di servizi digitali costantemente all’avanguardia”.

Ampiezza e profondità di servizi e tecnologie, agilità e semplificazione di processi e organizzazioni uniti dall’obiettivo di supportare le aziende clienti delle agenzie media di GroupM (Wavemaker, Mindshare, MediaCom) su temi che spaziano dall’omnicanalità all’uso intensivo dei dati, dall’automazione alle tecnologie che la abilitano.

Oltre 160 giovani professionisti, un’età media di 31 anni, il 52% dei quali sono donne, operano in supporto ai team digital delle agenzie, nelle sedi di Milano e Roma e a volte presso le sedi dei clienti GroupM, spaziando dal Programmatic al Search e Social, dell’AdOps per il media, cui si affiancano servizi di Consulting su Data Tech & Insight alla nuova unit di Commerce, che collaborano tra loro per il raggiungimento degli obiettivi di marketing e di business.

In ambito Data Driven e Programmatic, Erik Rosa guida sia la squadra di Xaxis – Outcome Media Company del Gruppo che risponde alle esigenze delle aziende di avere risultati tangibili e garantiti – sia la struttura di servizio del trading desk che risponde alla flessibilità massima richiesta dai clienti in termini di organizzazione e tecnologie da adottare, che ricorda come l’obiettivo del 2019 sia migliorare ulteriormente i prodotti ibridi che uniscono on e off, come il DOOH e il Digital Audio per creare nuove opportunità di addressable advertising da quello che prima addressable non era”.

GroupM Digital è anche consulenza su Dati, Tecnologia e Insight. A fine 2017 è stata creata la struttura di Data & Insights, poi ribattezzata Consulting, novità assoluta nel mondo dei gruppi media. La squadra, guidata da Marco Brusa, ha sviluppato negli ultimi mesi numerosi progetti di Business Intelligence, Data Visualization e di integrazione con gli ecosistemi dei clienti, rilasciando prodotti proprietari per l’Advanced Attribution sia sul digitale che sui mezzi tradizionali.

“Oggi affianchiamo le aziende con attività di consulenza AdTech e MarTech sulle principali tecnologie di mercato (Adobe, Oracle, Salesforce, Google) e siamo un partner riconosciuto e affermato su progetti SEO e Analytics, sfruttando le nostre competenze in ambito di Conversion Rate Optimization”. dichiara Brusa. La Unit lavora allo sviluppo di prodotti e servizi intercettando i principali trend: l’incremento e la diffusione degli smart speaker (Amazon, Google, Apple), l’esplosione dei live video su tutti i canali social e l’e-commerce, relativamente al quale, attraverso tecnologie proprietarie, GroupM Digital supporta le aziende nella crescita dei loro brand su Amazon e sui principali marketplace, oltre a fornire consulenza sulle strategie  di sviluppo e gestione della vendita su e-commerce proprietari.

“Per noi parlare di digitale è ormai scontato”, precisa Loi, “ma non bisogna dimenticare che il grado di maturità e di trasformazione digitale non è uguale in tutte le aziende. Oggi, relazionandoci anche con differenti interlocutori come i CMO e i CTO, vogliamo porci come un partner consulenziale per i clienti in grado di affiancarli in ogni passaggio: dall’esigenza di adottare soluzioni tecnologiche al training per padroneggiarle e condividerle al proprio interno. Gestiamo, infatti, attività che fino a qualche anno fa non erano associate al classico “centro media”: ad esempio, una consulenza sulla strategia di lancio di un eCommerce o sull’implementazione e la relativa gestione di una Data Management Platform”.

Né possono mancare alcuni momenti di condivisione (come quello di oggi, NdR), chiamati “Walk the Talk”, appuntamenti nei nostri uffici per trasferire informazioni ed educare ai processi, all’interno delle singole postazioni di lavoro che si trasformano in luoghi di formazione real-time.

“Apparteniamo al più grande Gruppo di comunicazione, grazie al quale possiamo disporre degli strumenti proprietari più sofisticati”, conclude Loi. “Solo per citarne qualcuno, da [m]Core, la Data Management Platform che conta oltre 50 milioni di interazioni giornaliere e più di 4500 segmenti azionabili e personalizzabili, grazie a cui interpretare la realtà dei consumatori e trovare soluzioni di comunicazione per trasferire vantaggio competitivo alle aziende; a Copilot, l’algoritmo di Intelligenza Artificiale di Xaxis, una tecnologia sviluppata a New York da 30 ingegneri, che ottimizza le performance delle campagne e crea algoritmi ad hoc in funzione delle esigenze specifiche dei clienti; alle dashboard di Business Intelligence e Data Visualization o ai prodotti per l’Advanced Attribution. Il nostro set tecnologico proprietario si aggiunge al presidio continuo delle tecnologie di player Over-the-Top (come Amazon, Google e Facebook) che continuano ad arricchire la nostra expertise nel Search e Social. Grazie a questi asset, possiamo cogliere l’opportunità di contribuire a plasmare il futuro del marketing e della comunicazione, per offrire ai clienti un approccio all’avanguardia, con soluzioni uniche e servizi guidati da dati e tecnologie”.