Media & Research
Powered by Roland Berger

Vienna è la città più smart al mondo. Segue Londra. Ma è l’Asia ad avere la meglio

Vienna è la città più smart al mondo, seguita da Londra e dalla cittadina canadese St. Albert. A dirlo è la società di consulenza strategica Roland Berger nella seconda edizione dello studio Smart City Strategy Index, presentato in occasione della Milano Digital Week. Dall’Europa all’Asia, dai centri con meno di mezzo milione di abitanti alle megalopoli con più di 20 milioni di residenti, gli esperti della società di consulenza tedesca hanno passato al setaccio 153 città in tutto il mondo. Obiettivo: individuare le best practice da adottare come modello per lo sviluppo futuro in chiave Smart City.
 
Il capoluogo austriaco si aggiudica la medaglia d’oro per la seconda volta consecutiva. Merito di una strategia integrata e delle soluzioni innovative per la Mobilità, l’Ambiente, l’Istruzione, l’Assistenza Sanitaria e la Pubblica Amministrazione. Con un totale di 74 punti su 100 disponibili, Vienna precede Londra che segue a una sola lunghezza e si classifica al secondo posto nella graduatoria stilata da Roland Berger. La società di consulenza tedesca ha assegnato un punteggio ad ogni città calcolato sull’analisi di due indicatori: il grado di implementazione delle tecnologie Smart City in sei macro-aree, e il livello di pianificazione strategica di ogni realtà in ottica di città intelligente. Nel primo indicatore sono stati presi in analisi sei campi di utilizzo che gli analisti di Roland Berger definiscono strategici per il buon governo di una città «smart»: Amministrazione, Sanità, Istruzione, Energia & Ambiente, Edifici e Mobilità. Nel secondo indicatore è stato misurato il livello di pianificazione di una strategia integrata che comprende il budget allocato, il grado di regolamentazione e il coinvolgimento dei cittadini. Rivelazione di questo secondo studio è St. Albert, una cittadina canadese di 100 mila abitanti che ha totalizzato un punteggio di ben 72 punti. Una medaglia di bronzo conquistata grazie all’ottimo risultato ottenuto nel settore della Mobilità, nel tasso di innovazione delle infrastrutture e nel coinvolgimento dei propri cittadini in chiave Smart City.

Secondo lo studio, il numero di città con una chiara strategia Smart City è quasi raddoppiato negli ultimi due anni, passando da 87 città individuate nell’edizione 2017 a 153 nel 2019. Tuttavia, l’eccellenza rimane ancora per pochi: il 90% delle città analizzate non dispone ancora di un approccio Smart City ad ampio raggio. Avere una strategia è solo il primo passo, ma è l’implementazione che conta davvero. E solo 15 città su 153 (ossia poco più del 10% del totale) soddisfano o superano il punteggio minimo di 60 punti che per gli esperti di Roland Berger indica un programma attuativo in essere. Il punteggio medio è fermo a soli 41 punti su 100 disponibili. Il 40% delle città infatti totalizza tra 40 e 60 punti e oltre il 50% si trova sotto i 40. Nonostante le ottime performance di Vienna e Londra, l’Europa risulta ancora indietro.

Il resto della top 15 delle città smart è infatti dominato dal mondo asiatico con Singapore che si colloca al quarto posto con un punteggio pari a 69 punti. Presenti anche 5 città cinesi che hanno attivato un piano quinquennale di sviluppo delle iniziative Smart City: Chongqing con 66 punti, Shanghai a pari merito con Shenzhen a quota 65, Dalian e Guangzhou, rispettivamente con 63 e 61 punti. Seguono Seoul con 62 punti e Davanagere, in India, con 61.