Amazon, non tutto vale una Alexa. Almeno nel Super Bowl