People

Stay tuned. Dal prossimo mercoledì su youmark ‘Pubblicitari allo spiedo’. Interviste irriverenti a protagonisti del nostro mondo, di ieri e di oggi, by Gianfranco Marabelli e Lele Panzeri. Un’anticipazione sui nomi?… No spoiler, seguiteci! Anche se nel trailer alcuni li fanno. Ma restano top secret le donne

Ringranziando House264 per averci ospitato nei suoi studi di via Bergognone 38 e Giampietro Vinti  con la sua Giroidee, per i fantastici montaggi, per chi ancora non li conoscesse, ecco chi sono gli intervistatori:

Gianfranco Marabelli

Inizia a fare pubblicità quando in Italia in si inizia a fare pubblicità. Negli anni diventa direttore creativo esecutivo in Leo Burnett, Fcb, Y&R e termina come direttore creativo esecutivo e presidente del gruppo DDB. Ha lavorato per le maggiori sigle italiane e internazionali, ma soprattutto per il gruppo Volkswagen e Audi con i quali ha vinto premi in tutto il mondo,
tra cui 3 leoni d’oro e 1 d’argento al Festival di Cannes, dove è stato anche giurato. E’ socio fondatore dell’ Adci.

Lele Panzeri

Entrato in pubblicità come art director grazie a una raccomandazione nel 1972, si distingue subito per la scarsa voglia di lavorare o, per meglio dire, per la sua naturale propensione a lavorare solo nella mezz’ora precedente la presentazione. Nonostante ciò riesce ad affermarsi in fretta, tant’è che diventa direttore creativo all’ eta’ di 25 anni. Ottiene i migliori risultati negli anni ottanta lavorando per l’agenzia di Michele Rizzi e successivamente nell’agenzia da lui stesso fondata insieme a Sandro Baldoni e Fabrizio Sabbatini (FCA/SBP). Fonda l’Art Directors Club nel 1984 insieme a una cinquantina di allegri criminali della creatività pubblicitaria. Ne diventa presidente nei primi anni duemila tra lo sgomento degli associati. Intraprende la strada della regia in Filmmaster specializzandosi in ‘microkolossal’ ovvero film prevalentemente in costume con centinaia di comparse. Da qui il nickname che gli viene affibbiato: Cecile De Cent. Lascia definitivamente la pubblicità nel 2015, dopo una lunga collaborazione con l’agenzia Le Balene. Instancabile velista patafisico, autore di alcuni libri cartacei, si nutre quasi esclusivamente di pinoli. Il resto non si sa.

 

 

Related articles