People

Quando l’arte significa inserire un gesto nello spazio. Una nuova ricerca, per contaminare il circostante, creando punti di vista differenti. Le molle di Lisa Borgiani evolvono e possono collaborare in modo sinergico con comunicazione e brand

Al microfono di youmark Lisa Borgiani. 

Lisa Borgiani in pillole:

artista, si confronta con fotografia, pittura e installazioni. Vive a Milano dopo un lungo periodo di lavoro negli Stati Uniti. 

Ha esposto opere e installazioni in varie gallerie, fiere d’arte, Istituzione pubbliche e private, Ambasciata di Italia a Washington DC, Consolato Americano in Italia, Comune di Verona, Istituto Italiano di Cultura di Londra, New York, Singapore, Vienna, Parlamento Europeo di Bruxelles.

Il tema che la sta appassionando negli ultimi tempi è ‘Studio (di) molle’ . Qui la molla (creata in materiale leggero e flessibile) è simbolo di armonia, forza, energia.

Ogni opera, infatti, ha studio e significato proprio, viene dipinta e interagisce con lo spazio e l’architettura circostante.

Lo scorso settembre ha inaugurato la mostra ‘Il cerchio e l’ascesa’ a Palazzo dei Giureconsulti a Milano curata da Flaminio Gualdoni, l’installazione ‘Homage to the American Flag’ a Palazzo Bovara con la Camera di Commercio Americana a Milano.

Ha, inoltre, installato l’ultima sua opera ‘be-molle’ commissionata dallo showroom Marmi Due Ci di Rivoli Veronese.