Updating

La Corte d’Appello di Milano riconferma, con una sentenza pubblicata lo scorso 26 febbraio, la responsabilità di Worldwide Shows per atti di concorrenza sleale nei confronti di Filmmaster

La Corte d’Appello di Milano riconferma, con una sentenza pubblicata lo scorso 26 febbraio, la responsabilità di Worldwide Shows (società che vede come principali azionisti il presidente Marco Balich con il 51% e Gianmaria Serra con il 34%) per atti di concorrenza sleale nei confronti di Filmmaster.
I fatti, risalgono alla seconda metà del 2013, quando Filmmaster stava lavorando alla fase di pre-produzione esecutiva della cerimonia dei giochi paralimpici di Sochi 2014. Al progetto erano dedicati Balich, al tempo presidente di Filmmaster, e Gianmaria Serra, a capo di una divisione di 14 persone. In una successione di eventi, Serra esce da Filmmaster e fonda la Worldwide Shows, in cui confluiscono dieci dipendenti ex Filmmaster e soprattuto Balich, che ne acquisisce la maggioranza – e, pur essendo legato a Filmmaster da un patto di esclusiva fino al 15 novembre 2013, 4 giorni prima della scadenza firma con Worldwide Shows il contratto per la gestione esecutiva delle cerimonie di Sochi, a scapito di Filmmaster che agisce così per vie legali.
La sentenza di primo grado di giudizio, emessa a maggio 2016 (la cui pubblicazione è avvenuta sui principali quotidiani sabato scorso), riteneva Worldwide Shows responsabile solo relativamente alla concorrenza sleale. Balich & co. presentavano ricorso ma la recente sentenza d’appello, che ha visto Filmmaster chiedere un risarcimento complessivo di 8,12 milioni di euro, ha ribadito la concorrenza sleale e accertato l’ulteriore responsabilità di Worldwide Shows per illecito storno di dipendenti.
Filmmaster, contattata in merito alla pubblicazione della notizia, commenta: “Abbiamo appreso con soddisfazione della sentenza. Anche la corte di appello ha riconosciuto il danno subito da Filmmaster per concorrenza sleale, attestando inoltre l’illecito storno di dipendenti. Filmmaster da quasi quarant’anni lavora nella creazione e nella produzione di grandi eventi, e si è sempre ispirata ai principi di correttezza professionale e rispetto delle regole di mercato. Grazie a questi principi, e alla grande competenza dei nostri collaboratori, siamo oggi una delle realtà del settore più importanti e anche più stimate a livello internazionale”.