Updating

Cannes Lions 019 / Bartoletti: nel Craft giustezza e correttezza. Ossia quando l’idea è l’esecuzione e l’esecuzione diventa l’idea, ragionando subito insieme. Sdoganati tutti i film, dai 30’’ ai docu. Il Grand Prix al New York Times? Tutti d’accordo e in un minuto. L’Italia? Dobbiamo cambiare registro

Lo dimostra il nulla di fatto per i 37 nostri lavori che avevano superato la preselezione, ma che al tavolo di Cannes hanno lasciato indifferenti, meritando il commento di “dalla media in giù” del nostro giurato lì Karim Bartoletti.

Lo abbiamo intervistato a caldo, a termine dei lavori di giuria: “Mai nessuna giuria fu più lunga. 1500 i lavori che abbiamo live visionato e per intero, sui 1900 iscritti. Discussioni e pure liti, tra punti di vista poliedrici. Creativi, professionisti della produzione, della post, musica, fotografia. Ma quando è stato il momento di decidere il Grand Prix, è bastato un minuto. ‘The Truth Is Worth It’ del New York Times ha vinto con tutti i film della campagna. Perfetti. L’esecuzione è idea e l’idea diventa l’esecuzione. Tipografia, sound design, montaggio, regia. Contemporaneità. Così impernati di contenuto, di valore. Quello del lavoro giornalistico per arrivare alla verità”.

Certo, si ribadisce un concetto che anche qui teoricamente sosteniamo da tempo: bisogna far nascere idee e produzione insieme ed entrambe devono puntare al top. Perchè ancora parole, no fatti?

“In Italia si pensa a cercare il crafting da inserire nel progetto. Il tema sta nel flusso. Giustezza e correttezza. Per schermi, narrative, brand. Ma il risultato è che i nostri lavori nei migliori dei casi hanno raggiunto la media. Che non basta. Manca il coraggio”.

In generale, c’è un trend che corre trasversale ai diversi film?

“I brand sono diventati buoni. Valori, prese di posizione, inclusività, sostenibilità. E poi il tempo, che non conta più. Nel senso che vale pure qui la giustezza. Ossia quello che serve a idea e produzione per esprimersi. 30-60-90’’, ma anche 13 minuti, 40, un’ora e mezza”.

Oltre al Grand Prix, cosa ci inviti a guardare?

‘5B’ per Johnson & Johnson, Oro più che meritato (ndr. Grand Prix Entertainment). I film Apple, fanno scuola in diverse categorie. ‘An Open Mind is The Best Look’ per Nordstrom, poesia dentro un film fashion, con un regista che ci ha messo la testa”.