Updating

Anci e Iap firmano protocollo d’intesa per promuovere il rispetto della dignita’ della donna nelle affissioni locali

Il presidente dell’Anci, Piero Fassino, e il presidente Iap, Giorgio Floridia, firmano un Protocollo d’intesa per consolidare modelli di comunicazione ispirati al rispetto della dignità della donna e del principio di pari opportunità.

L’Istituto opera dal 1966 per affermare una comunicazione commerciale sempre più “onesta, veritiera e corretta” attraverso il Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale e, in materia di pubblicità discriminatoria, protegge la dignità della persona con norme specifiche (iap.it). L’Istituto interviene quindi, sulla base di un giudizio espresso dai propri organismi di controllo formati da soggetti completamente indipendenti dal mondo della pubblicità, bloccando quei messaggi che utilizzano l’immagine femminile in modo offensivo, discriminatorio o tale da incitare alla violenza.

La collaborazione tra Anci e Iap ha lo scopo di ampliare l’efficacia dell’Autodisciplina, estendendone il controllo su quelle affissioni pubblicitarie locali che a volte sono escluse dall’ambito di competenza dello Iap, estensione che va a tutto vantaggio dei cittadini.

Il Protocollo Anci/Iap intende quindi, in sintesi, spingere gli inserzionisti pubblicitari che utilizzino le affissioni locali ad adottare modelli di comunicazione commerciale che non contengano immagini o rappresentazioni di violenza contro le donne; che tutelino la dignità della donna nel rispetto del principio di pari opportunità, e che propongano una rappresentazione dei generi coerente con l’evoluzione dei ruoli nella società evitando il ricorso a stereotipi di genere offensivi.

L’Anci si fa carico di invitare i Comuni a modificare la propria regolamentazione in materia di pubbliche affissioni e di trasmettere allo Iap, anche su segnalazione dei cittadini, i messaggi ritenuti lesivi della dignità della donna; mentre lo Iap si impegna ad esaminare le segnalazioni con ancor maggiore celerità, in modo da bloccare nel minor tempo possibile le comunicazioni commerciali in contrasto con il Codice di autodisciplina.