Updating

Adci sceglie Alessandro Patscot e Noemi Mariani per il Creative Express. Maggiore: la nostra creatività merita di essere tra quelle che contano di più

Per la terza volta, l’Art Directors Club manda un giovane creativo al Creative Express, progetto ispirato dall’Adce che vede tutti gli Art Directors Club europei coinvolti nell’organizzazione di creative workshop con alcuni nomi di spicco della creativita’ mondiale.

Due anni fa Domenico Greco è volato ad Amsterdam prendendo parte al workshop con Amir Kassaei in persona a coordinare tutte le attività. Lo scorso anno è stato il turno di Enrico Pasquino, protagonista a Berlino in un workshop organizzato da Audi Worldwide. Ora a volare in Austria sarà una coppia creativa da poco uscita da Accademia di Comunicazione.

Si tratta di Alessandro Patscot, art director presso la redazione di Rolling Stone Magazine, e Noemi Mariani, copywriter in DigitasLBi, che già hanno vinto la categoria dei Roger dei Giovani Leoni e si sono aggiudicati una graphite pencil al D&AD di questo anno.

“Come Adci abbiamo deciso di dare un segnale diverso rispetto agli scorsi due anni, dove sono stati mandati giovani ma con già due o tre anni di esperienza in agenzia, e abbiamo deciso di premiare i giovanissimi talenti. Questo perché credo e crediamo fortemente che queste occasioni, a cui l’Art Directors Club Italiano partecipa da soli due anni, siano davvero delle splendide opportunità per crescere in maniera sana, facendosi contaminare da nuovi modi di vedere la creatività e fare del melting pot culturale, cosa che manca nel tessuto delle agenzie italiane, un’arma vincente per talenti che vogliono puntare a esperienze professionali di primissimo livello”, ci dice Matteo Maggiore, executive board member Adci, responsabile e coordinatore dei progetti dedicati ai creative young talent italiani.

“Per questo la nostra scelta è ricaduta sul talento non giovane ma giovanissimo. Creative Express è un’esperimento stupendo che è possibile grazie al consiglio direttivo dell’Adce e a Patrizia Boglione, nostra rappresentante italiana. Siamo molto ogogliosi di poter partecipare e dare così ai nostri giovani ancor più palcoscenici per emergere e dimostrare ancora una volta che la nostra creatività, quella italiana, merita di essere tra quelle che contano di più”, conclude.