Creative & Communication

Abbiamo provato l’esperienza immersiva dell’anteprima del progetto firmato Urquola – Pepe ‘Don’t treat me like an object’, presso Le Dictateur, a Milano. Permetteteci l’outing, quando arte, design e tecnologia (Proxima) si intersecano, è veramente tutta un’altra cosa. Vi invitiamo a sperimentare

Patricia Urquiola e Federico Pepe continuano la loro collaborazione all’insegna dell’esplorazione del confine tra arte e design. Dopo la mostra ‘Maybe one day’ (Le Dictateur 2015) e le collezioni d’arredo ‘Credenza’ (2016) e ‘Miscredenza’ (2017) presenteranno al Salone del Mobile un’anteprima del progetto di Realtà Virtuale ’Don’t treat me like an object’.

E’ un’esperienza immersiva che consente l’accesso a un’altra dimensione, in cui gli oggetti smettono di essere solo materia forma e funzione e si riconfigurano come entità dotate di sentimenti, capacità predittive, interattive ed empatiche.

Così, diventiamo parte della loro trasformazione da materia a intelligenza, un’esperienza di natura poetica e artistica che ha l’obiettivo di arricchire di nuova carica emotiva il contatto con ambiente e oggetti.