Rubriche / Media e Pianificazione

Terza edizione per il magazine Twelve di Serviceplan Group

15
Mar

twelve 2017 a

Il magazine di Serviceplan Group, Twelve è andato in stampa per la terza volta con un’edizione focalizzata sul tema dell’internazionalizzazione. La rivista è arricchita dai contributi di personaggi noti ed esperti che sono stati ospiti della Casa della Comunicazione in vari eventi, come l’attore Elyas M’Barek, la youtuber Bibi, il guru internazionale dei brand Martin Lindstrom, il cercatore di trend Matthias Horx,  l’autore di best seller Frank Schätzing o l’ex Presidente della Repubblica Federale Tedesca Christian Wulff.

Diviso in dodici capitoli, Twelve offre ai lettori insight intorno a domande che dominano il settore, oltre che fornire ispirazione e motivazione per l’anno venturo. Ogni capitolo è aperto da un collega di una location diversa del mondo e portata in vita da un fotografo del paese in questione, sempre sul focus dell’internazionalizzazione, ma anche del digitale. Per esempio, in un articolo intitolato The Techno Sapiens, a future vision, Frank Schätzing scrive su come la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui lavoriamo, comunichiamo e ci innamoriamo e di quanto l’innovazione tecnologica ci faccia bene.

Un capitolo di questa edizione è poi dedicato all’argomento della globalizzazione. Julie Kang, Managic Director di Serviceplan Korea, fornisce insight sullo sviluppo del mobile in Korea e il conseguente impatto globale, o ancora Jaya Prasad, Managic Director di Serviceplan India, spiega come un brand può diventare di successo ‘nell’incredibile India’ (ascolta la nostra intervista).

Florian Haller, Ceo Serviceplan Group, spiega nella nota la vision di Serviceplan: “Con Serviceplan abbiamo creato un universo in cui persone provenienti da diversi paesi e culture di tutto il mondo possano vivere e lavorare insieme in amicizia e in pacifica armonia. È molto più di un semplice un modello di business, crediamo in un mondo globale e in una diversità che arricchisce tutti. Apprezziamo l’apertura, la tolleranza e il coraggio di abbracciare il cambiamento e l’inclusione. Il nostro concetto della Casa di Comunicazione è il simbolo di questa unione, e questa edizione di Twelve fa la sua parte importante”.

Aggiunge Giovanni Ghelardi, partner e managing director del Gruppo in Italia: “Fin da quando cinque anni fa abbiamo deciso di sposare il Gruppo Serviceplan e aprire la prima Casa della Comunicazione in Italia, la motivazione più forte è stata credere che questo lavoro si può fare solo se si è dotati di una forte determinazione ad investire. E Twelve è una dimostrazione di questa volontà. E non l’unica, visto che intorno alla Casa della Comunicazione ruotano continuamente eventi e attività che hanno come obiettivo quello di aggregare conoscenza, innovazione, dibattito e sperimentazione”.

per sfogliare la rivista

 

 










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie