14
Mar

Schermata 2017-03-14 alle 21.02.41

Granarolo, brand del settore caseario e non solo, nel 2016 ha inaugurato un piano strategico di internazionalizzazione basato su quattro principali direttrici: crescita dimensionale, diversificazione dei prodotti, di mercati e Paesi. E’ in questo contesto che si inserisce la collaborazione con Serviceplan, già al fianco dell’azienda emiliana come agenzia creativa per diversi brand (Granarolo 100% Vegetale, Yomo, Granarolo Oggi Puoi e iniziativa Ossi Duri) relativa al coordinamento internazionale della presenza digital nei nuovi mercati.

Serviceplan Italia già da luglio 2016 si occupa di guidare la costruzione dell’immagine digitale (sito web in primis) di Granarolo, o dei brand con cui è presente all’estero, di creare omogeneità e garantire riconoscibilità di marca compatibilmente con la cultura e i gusti locali, sempre rispecchiando i valori del gruppo.

Online prima in Cina e dal 6 marzo 2017 in Nuova Zelanda (con il brand Ghiotti), in cantiere Brasile e Middle East, ecco i primi paesi di Granarolo oltre confine.

Grazie al suo network internazionale, Serviceplan affianca Granarolo in questo percorso avvalendosi della collaborazione delle sedi internazionali che si sono occupate di design e developing dei siti.

“Coerenza ma anche duttilità e al centro la user experience, ecco le parole d’ordine che hanno guidato il team dedicato a questo progetto”, commenta nella nota Oliver Palmer, direttore creativo esecutivo di Serviceplan Italia. Aggiunge Giovanni Ghelardi (nella foto), ad Serviceplan Group Italia, continua: “Crescere insieme a una delle più importanti aziende agroalimentari in Italia e affrontare sfide così grandi come la conquista di nuovi mercati, è una sfida che abbiamo preso con serietà e entusiasmo; non vediamo l’ora di scoprire quali saranno i prossimi orizzonti”.

 










Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.Proseguendo con la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie